Come hanno reagito broadcaster e telco globali in questa emergenza e come sono cambiati i consumi? Lo spiega Fondation R. Schuman

Lo studio diffuso oggi ‘Convergence in Media and Telecom in the face of COVID-19’  di Gérard Pogorel (Telecom Paris) e Augusto Preta (ITMedia Consulting) mostra la resilienza delle telecomunicazioni e dell’audiovisivo in Europa, negli Stati Uniti e in Asia durante la tragica crisi del COVID-19.

Le telecomunicazioni e l’audiovisivo stanno fornendo gli strumenti necessari per un ambiente di lavoro virtuale trasformato; rendono possibile l’intrattenimento a casa, in un momento in cui i cinema, i teatri e le strutture sportive sono fermi.

 

Più che mai, la ‘natura trasformativa’ dell’innovazione digitale nei settori dei media e delle telecomunicazioni si sta muovendo insieme al modo in cui viviamo e lavoriamo oggi. Inoltre, i punti di svolta attesi da lungo tempo potrebbero essere raggiunti sia nel passaggio dalla TV lineare ai servizi di streaming online che negli sviluppi delle reti a banda larga.

LEGGI O SCARICA LO STUDIO Convergence in Media and Telecom in the face of COVID-19 (PDF)

Convergence in Media and Telecom in the face of COVID-19_compressed
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza