Come hanno reagito broadcaster e telco globali in questa emergenza e come sono cambiati i consumi? Lo spiega Fondation R. Schuman

Lo studio diffuso oggi ‘Convergence in Media and Telecom in the face of COVID-19’  di Gérard Pogorel (Telecom Paris) e Augusto Preta (ITMedia Consulting) mostra la resilienza delle telecomunicazioni e dell’audiovisivo in Europa, negli Stati Uniti e in Asia durante la tragica crisi del COVID-19.

Le telecomunicazioni e l’audiovisivo stanno fornendo gli strumenti necessari per un ambiente di lavoro virtuale trasformato; rendono possibile l’intrattenimento a casa, in un momento in cui i cinema, i teatri e le strutture sportive sono fermi.

 

Più che mai, la ‘natura trasformativa’ dell’innovazione digitale nei settori dei media e delle telecomunicazioni si sta muovendo insieme al modo in cui viviamo e lavoriamo oggi. Inoltre, i punti di svolta attesi da lungo tempo potrebbero essere raggiunti sia nel passaggio dalla TV lineare ai servizi di streaming online che negli sviluppi delle reti a banda larga.

LEGGI O SCARICA LO STUDIO Convergence in Media and Telecom in the face of COVID-19 (PDF)

Convergence in Media and Telecom in the face of COVID-19_compressed
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Aumento dell’ascolto medio e contatti raddoppiati. L’effetto del lockdown sulle tv locali

Aumento dell’ascolto medio e contatti raddoppiati. L’effetto del lockdown sulle tv locali

L’Ue pensa a norme più severe per le big tech. Il piano Vestager: delineare confini legali, e non applicare solo leggi antitrust

L’Ue pensa a norme più severe per le big tech. Il piano Vestager: delineare confini legali, e non applicare solo leggi antitrust

Google lancia Digital Growth, programma di formazione per editori di piccole e medie dimensioni

Google lancia Digital Growth, programma di formazione per editori di piccole e medie dimensioni