24 maggio L’Allieva2 chiude doppiando D’Urso e Fazio. Più lontano Giletti

La movida dappertutto, i commercianti e gli artigiani in difficoltà, la paura della ipotetica seconda ondata del contagio, il punto sui rimedi farmacologici erano tra i temi ‘Covid’ della cosiddetta fase due nella serata tv di domenica 24 maggio. Il confronto tra le generaliste proponeva lo schema di sette giorni prima: Alessandra Mastronardi in replica su Rai1 (ultima puntata), due film, Barbara D’Urso, Fabio Fazio (ultima puntata) e Massimo Giletti a sfidarsi sull’attualità, ‘Un Giorno in Pretura’ su Rai3. Ecco come è andata secondo i meter di Auditel.

In prime time ha vinto con un buon margine ‘L’Allieva2’, con Alessandra Mastronardi e Lino Guanciale tra i protagonisti, che ha portato Rai1 a 4,323 milioni di spettatori ed il 18,3% di share, in crescita di due punti punto rispetto a sette giorni prima.

Su Canale 5 a ‘Live Non è la D’Urso’ sono stati ospiti e ‘ingredienti’ di Barbara D’Urso, tra gli altri, Beppe Sala, Roberta Pinotti, Mario Giordano, Annamaria Bernini, tanti commercianti in difficoltà in collegamento, Sandra Milo in sciopero della fame, movidisti e spiaggisti, Alberto Zangrillo, Lele Mora, Gianluigi Nuzzi, l’avvocato di Irene Pivetti,, l’analisi che promuove le mascherine della Pivetti (23.05), Laura Castelli, Klaus Davi, Alda D’Eusanio, i ‘casi’ Lollobrigida, Morgan, Ciavarro/Incorvaia.

Così organizzato il programma ha avuto 2,1 milioni di spettatori ed il 12,3% (in flessione di tre decimali), dopo la presentazione a 2,025 milioni e 8%.

Su Rai2 l’ultima puntata del talk di Fabio Fazio ha ospitato tra gli altri, più o meno nell’ordine, Raphael Gualazzi, Enrico Brignano, Luciana Lamorgese, Roberto Burioni, Andrea Antinori, Rino Rappuoli, Giovanni Malagò, Simone Inzaghi, Marco Travaglio (22.25), Luciana Littizzetto, Giovanna Botteri, Paola Perego e poi i ‘comici’ del tavolo.

Così confezionato ‘Che tempo che fa’ ha avuto 2,055 milioni di spettatori e 8,2% col programma e con il tavolo 1,478 milioni e 8,4%, in leggera flessione nella prima parte rispetto a sette giorni prima ed in crescita di otto decimali nella seconda.

Su La7 ‘Non è L’Arena’ con Massimo Giletti alla conduzione, ha avuto tra gli ospiti e gli ingredienti Fabrizio Pregliasco, Pierpaolo Sileri, Matteo Bassetti, Alessandro Cecchi Paone (nella prima parte virologica), Consuelo Locati e Gianmarco Senna (nella parte ‘legal’), e quindi Nicola Zingaretti (a lungo dopo l’avvio, nella parte politica), e quindi dopo un lungo servizio sulla mafia (col tormentone Di Matteo/Bonafede sempre tambureggiante) Luigi De Magistris, Luca Telese, Alfonso Sabella, Ettore Licheri, Nunzia De Girolamo, Antonio Ingroia e Fabio Amendolara, e quindi, Beatrice Lorenzin, Gianluigi Paragone, Peter Gomez, Paolo Agnelli e Bruno Vanzan.

Così impostato, il programma ha totalizzato 1,366 milioni e 7,1%, con la prima parte fino alle 21.00 a 1,384 milioni e 6%.

Su Italia 1 ‘Come ti spaccio la famiglia’ con Jason Sudeikis, Jennifer Aniston, Emma Roberts, Will Poulter, ha raccolto solo 1,351 milioni di spettatori e il 5,7% di share.

Mentre su Rai3 ‘Un giorno in pretura’ con il caso di Valentino Talluto in primo piano, ha riscosso 997mila spettatori e il 4%.

Su Rete4 la pellicola ‘Sleepers’, con Kevin Bacon, Brad Pitt, Vittorio Gassman, Dustin Hoffman, Robert De Niro, Jason Patric nel cast, ha totalizzato 838mila spettatori e il 4%. Tra le altre opzioni, hanno fatto un’ottima prestazione Rai4 con ‘A lonely place to die’ (704 mila e 2,83%) e Tv8 con ‘I Delitti del BarLume – Il telefono senza filo’ (632mila spettatori e 2,6%).

Al pomeriggio, era accesa l’ammiraglia pubblica: su Rai1Domenica In’ al 19,34% nella prima parte e al 18,6% nella seconda; ‘Da Noi – A Ruota Libera’ invece al 13,1%.

Su Rai3 Lucia Annunziata con ‘Mezzora In Più’ che ha schierato Massimo D’Alema e Luca Zaia tra gli ospiti, ha riscosso il 9,6% di share; ‘Kilimangiaro Collection’ al 7,4%.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Aumento dell’ascolto medio e contatti raddoppiati. L’effetto del lockdown sulle tv locali

Aumento dell’ascolto medio e contatti raddoppiati. L’effetto del lockdown sulle tv locali

L’Ue pensa a norme più severe per le big tech. Il piano Vestager: delineare confini legali, e non applicare solo leggi antitrust

L’Ue pensa a norme più severe per le big tech. Il piano Vestager: delineare confini legali, e non applicare solo leggi antitrust

Google lancia Digital Growth, programma di formazione per editori di piccole e medie dimensioni

Google lancia Digital Growth, programma di formazione per editori di piccole e medie dimensioni