Tim punta sempre più sul cloud e acquisisce Noovle

Tim accelera nel progetto cloud. La telco ha acquisito Noovle, società di consulenza, guidata dall’ad Paolo Vannuzzi, specializzata nella fornitura di progetti e soluzioni cloud e tra i principali partner di Google Cloud nel mercato italiano. L’operazione, spiega una nota, permette a Tim di ampliare la propria offerta di servizi innovativi di public, private e hybrid cloud e di rafforzare le competenze di servizio per accelerare la digitalizzazione delle imprese, dalle Pmi alla grande industria, fino al mondo della Pubblica amministrazione e della sanità.

Carlo D’Asaro Biondo (Foto Ansa – EPA/GRZEGORZ MOMOT POLAND OUT)

“Siamo felici di accogliere Noovle nel Gruppo Tim: è il partner di riferimento di Google Cloud in Italia e ci permette di completare le nostre competenze in questo settore”, il commento di Carlo D’Asaro Biondo, executive vice president Tim – Cloud Project, che ha specificato come “dalle sinergie attese” sia prevista “un’importante accelerazione sul fronte dell’offerta e un significativo rafforzamento della nostra posizione sul mercato”. “Da sempre Noovle ha sviluppato progetti di trasformazione digitale accompagnando istituzioni e imprese nel percorso evolutivo di filiere connesse e interoperabili. Siamo orgogliosi di essere parte di un progetto innovativo di così ampio respiro”, ha dichiarato

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8  mln 15 anni fa)

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8 mln 15 anni fa)