Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

“Gli investimenti pubblicitari radiofonici del mese di marzo, rilevati nell’ambito dell’Osservatorio Fcp Assoradio coordinato dalla società Reply, hanno registrato un – 41,6%, a fronte dei precedenti parziali positivi di gennaio (+ 11,8%) e febbraio (+ 15,7%). Il 1° trimestre 2020 si è chiuso pertanto con un – 8,9%.

Le motivazioni connesse con tale contrazione dei fatturati pubblicitari sono riconducibili, spiega Fcp Assoradio,  alla fase di Lockdown e al conseguente blocco delle attività di comunicazione del mercato retail non alimentare, ristorazione, turismo etc… colpiti dall’emergenza Covid e dal venir meno di eventi sportivi ed importanti manifestazioni.


Anche in questo contesto l’ascolto radiofonico ha dimostrato la capacità di adattamento al cambiamento che trova solidi riscontri nella ricerca commissionata da TER (Tavolo Editori Radiofonici) “L’ascolto della radio ai tempi del COVID-19”, condotta dall’istituto GFK, che ha monitorato il comportamento d’ascolto nella fase pre e post COVID dal 27 gennaio al 6 aprile su un solido campione di 8.881 panelisti.

I tempi di fruizione risultano stabili e addirittura crescono tra gli ascoltatori negli ultimi 7 giorni.

La radio si trasforma in questi giorni in un medium domestico il 71% degli italiani ha potuto ascoltare la Radio anche da casa e estende la fruizione, prima più intima e solitaria, a una dimensione maggiormente conviviale e condivisa grazie all’incremento dell’ascolto attraverso tutti i device disponibili. L’accesso digitale vede un incremento importante (+24% Reach, + 61% tempo speso).

il 43% l’ha ascoltata da supporti digitali.

La crisi ha favorito la relazione con il mezzo, soprattutto in termini di vicinanza, di veicolo di emozioni positive il 59% degli italiani ha ritrovato anche relax e allegria. La partecipazione del pubblico ai programmi è aumentata di oltre il 27% ed è stata definita “l’amica sempre vicina” da 37 milioni di persone.

Il ruolo informativo della radio non è meno rilevante, assolvendo sia il compito della presenza tempestiva e del realtime, sia quello dell’approfondimento e dell’autorevolezza.

Questi elementi valoriali sono al centro di una campagna Radiofonica B2B diffusa dalla gran parte delle emittenti italiane. I diversi soggetti, on-air dal 18 maggio per due settimane, sono veicolati da gran parte delle emittenti radiofoniche nazionali e territoriali.

Una ulteriore iniziativa di promozione del mezzo che sottolinea l’unitarietà di un comparto articolato come quello radiofonico. “I Love my Radio”, dove per la prima volta le radio italiane si sono unite con un format musicale unico che ha coinvolgerà gli ascoltatori per eleggere la canzone regina degli ultimi 45 anni e che si concluderà con un evento nel prossimo autunno 2020.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 15 MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL IN AGOSTO. Sky Sport primo per interazioni, Fanpage e Cookist per video view

TOP 15 MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL IN AGOSTO. Sky Sport primo per interazioni, Fanpage e Cookist per video view

Pubblicità in crescita a luglio (+8%) ma da inizio anno il saldo è -19% (-23,5% senza search e social). Nielsen: meglio tv e quotidiani

Pubblicità in crescita a luglio (+8%) ma da inizio anno il saldo è -19% (-23,5% senza search e social). Nielsen: meglio tv e quotidiani

Investimenti adv sempre in negativo a giugno (-15,4%), ma in ripresa sui tre mesi precedenti. Nielsen: miglioramenti per il secondo semestre

Investimenti adv sempre in negativo a giugno (-15,4%), ma in ripresa sui tre mesi precedenti. Nielsen: miglioramenti per il secondo semestre