Come la pandemia ha cambiato la moda: sul sito di Style un’inchiesta a puntate, oggi sulla comunicazione

Le lunghe settimane del lockdown globale hanno fatto bene al sistema della moda? A sentire i ragionamenti e le discussioni in corso in questi giorni su possibili nuove forme di creatività, di produzione e di comunicazione del fashion si direbbe di sì. Il recentissimo annuncio di Alessandro Michele, il direttore creativo di Gucci, di limitare a due all’anno le presentazioni delle collezioni ha fatto da amplificatore a riflessioni che già per molti brand stavano maturando. “Non voglio più vivere col fiatone come eravamo abituati a fare prima della quarantena, come se non avessimo alternative”, ha detto Michele.

Alessandro Calascibetta

Le alternative dunque ci sono e coinvolgono tutti gli aspetti del sistema della moda, da quelli più squisitamente creativi a quelli commerciali e naturalmente alla comunicazione. A questi argomenti Style, il maschile del Corriere della Sera diretto da Alessandro Calascibetta, sta dedicando sul sito, style.corriere.it, un’inchiesta a puntate intitolata ‘Cambiare la moda – I temi della ripresa’ (https://style.corriere.it/tag/moda-ripresa/) firmata dal caporedattore Michele Ciavarella.
Proprio alla comunicazione è dedicata la punta di oggi. “Appena il Covid-19 ci ha costretti a chiuderci in casa l’attenzione di tutti è stata catturata da mille progetti di immagine, di racconti e di storytelling da visualizzare sui giornali cartacei e digitali affiancati da product placement sugli account Instagram di influencer nazionali, internazionali e globali. Più che le campagne pubblicitarie dei marchi, quello che ha colpito di più sono stati i materiali alternativi che giorno dopo giorno hanno sostituito le immagini di prodotto: al posto delle sneackers sono arrivate le poesie, dove c’erano gli abiti sono apparsi messaggi, il product placement affidato agli influencer è stato man mano sostituito da apparizioni più discrete di celebrities ambassador che, oltre agli abiti del marchio «indossavano» messaggi sociali”, osserva Ciavarella.

Ovvio che di tutto questo, a cominciare dal grande cambiamento di Instagram come sottolinea Ciavarella, rimarrà traccia. E già si vedono i segnali di come sarà la comunicazione della moda nel futuro prossimo. Ecco alcuni indizi che Style individua: nella corporate culture “le aziende devono comunicare i valori che sono all’interno dei propri prodotti e non aggiungere valori estranei solo per costruire efficaci strategie di comunicazione”; “un cambio di prospettiva molto deciso nel linguaggio che da autoriferito deve passare a uno capace di veicolare espressioni che includono esigenze esterne al proprio mondo di riferimento”; e come conseguenza il passaggio “dal narcisismo del brand al contesto sociale”; una politica di comunicazione sempre più tarata “sulla specificità della storia del marchio, delle qualità e dei valori che lo comunicano” evitando ogni forma di omologazione; “ora la moda ha necessità di parlare con la Generazione Z, la più giovane, nata con la consapevolezza dell’esistenza delle Fake news e quindi portata a non credere a quello che gli si dice senza averlo prima verificato. Per questo un ruolo centrale nella comunicazione diretta alla Generazione Z sarà quello delle ‘persone affidabili’”.
Infine, una riflessione, che è anche un auspicio per il mondo dell’editoria, riguarda i mezzi di informazione “che devono diventare partner: quindi, non più considerati come veicoli dei messaggi o nella funzione di megafoni della comunicazione del brand ma interlocutori”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai Com e Titanus  insieme per la digitalizzazione e distribuzione di 400 film

Rai Com e Titanus insieme per la digitalizzazione e distribuzione di 400 film

Sky aprirà dei punti vendita in Uk. Il via da Liverpool

Sky aprirà dei punti vendita in Uk. Il via da Liverpool

Usa 2020, per la prima volta nella sua storia anche Usa Today si schiera e appoggia Joe Biden

Usa 2020, per la prima volta nella sua storia anche Usa Today si schiera e appoggia Joe Biden