Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Donald Trump vara la stretta sui social accusati di essere un monopolio e di fare politica contro i conservatori. “Siamo qui per difendere la libertà di parola”, ha dichiarato il presidente americano, firmando l’ordine esecutivo che mira a togliere lo scudo penale alle piattaforme accusate di censura. “Un piccolo gruppo di potenti social media in monopolio controlla una vasta porzione di tutte le comunicazioni pubbliche e private negli Stati Uniti”, ha attaccato Trump, denunciando “un potere incontrollato nel censurare, ridimensionare, editare, delineare, nascondere, alterare virtualmente ogni forma di comunicazione tra privati cittadini o con audience ampie di pubblico”. “Non vi sono precedenti nella storia americana – ha proseguito – di un simile esiguo gruppo di società che controlla una sfera così ampia dell’interazione umana”.

Il decreto è scattato dopo lo scontro con Twitter che ha marcato due post del presidente come potenzialmente fuorvianti. “Non possiamo consentire che questo vada avanti – ha spiegato l’inquilino della Casa Bianca – e tutti penso siano d’accordo, compresi i democratici”.

Donald Trump al momento della firma (Foto Ansa – EPA/DOUG MILLS/ POOL)

Il decreto di Trump modifica la sezione 230 del ‘Communications Decency Act’, una legge del 1996 che garantisce immunità penale alle piattaforme digitali rispetto ai contenuti pubblicati da terze parti.
Poiché per emendare una legge occorre il via del Congresso, lo stesso presidente americano ha previsto che ci saranno una raffica di ricorsi in tribunale contro il suo decreto ma ha ostentato fiducia sul verdetto finale. “Le loro sono decisioni editoriali – ha argomentato Trump – in questi casi Twitter cessa di essere una piattaforma neutrale diventando un editore con un punto di vista. E ciò si può dire di altri”, come Google o Facebook.

Il presidente, durante la cerimonia di firma del decreto era affiancato dal fidato Guardasigilli William Barr. Il decreto dispone che il dipartimento del Commercio presenti una petizione presso la Federal Communications Commission (Fcc), l’autorità statunitense sulle tlc, perché definisca il raggio di azione della ‘sezione 230’ che, a detta del presidente, potrebbe “venire rimossa o totalmente modificata”.
Viene inoltre ordinato alle agenzie governative di tagliare gli investimenti pubblicitari sui social media e alla Fcc di raccogliere le accuse di censura o faziosità perché vengano valutate.

Il capo della Fcc, Ajit Pai, ha già fatto sapere che la sua commissione “valuterà con attenzione” la richiesta del governo. Già lo scorso anno Trump aveva creato uno strumento per riportare comportamenti scorretti da parte delle piattaforme web.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti