In Germania giornalisti contro medici. La ‘Bild’ attacca il famoso virorolo Christian Drosten. Ma esagera e ‘Spiegel’ lo difende

Il tedesco Christian Drosten, probabilmente il virologo più autorevole in Europa e l’autore del capolavoro della sanità tedesca, che è riuscita a contenere al massimo gli effetti devastanti della pandemia, non è un santo e non tutto quello che dice può essere preso come oro colato. A scriverlo è il quotidiano popolare e viscerale Bild Zeitung, a pensarlo sono molti tedeschi insofferenti delle regole blande rispetto alla situazione italiana, ma ferme, che il potere politico ha imposto alla cittadinanza nelle scorse settimane.


Le accuse lanciate dal quotidiano a grande tiratura, secondo il quale uno studio di Drosten riguardo alla contagiosità dei bambini esposti al virus sarebbe sprovvisto di credibili basi scientifiche appaiono però pretestuose e strumentali. Tanto che gli stessi colleghi del medico citati dal quotidiano per sostenere il suo attacco hanno immediatamente smentito.
Bild accusa il medico di essere asservito al potere politico e di aver confezionato uno studio per ritardare la ripresa delle scuole, argomento che sta molto a cuore all’opinione pubblica tedesca. Vista dall’Italia, dove l’idea di riaprire le scuole continua a non sembrare né urgente né strategica, la questione può apparire piuttosto esotica. Ma in Germania non è così e la ripresa scolastica, complessa e faticosa, ma pur sempre effettiva, ad alcuni è parsa per colpa dei medici-opinionisti, troppo incerta.
Resta il fatto che in pochi giorni, come si spiega dettagliatamente su Prima Comunicazione di questo mese, il virologo si è tramutato in una star onnipresente su tutti i mezzi di comunicazione.

La sua maniera di mettersi in posa e la sua confidenza con la cancelliera Angela Merkel a molti non sono piaciute. Il mondo politico deve prendersi le sue responsabilità al di là di quello che raccomandano gli scienziati e in fondo la Bild non ha fatto altro che declinare con la sua proverbiale ed efficace ruvidità quello che lo stesso settimanale Der Spiegel aveva denunciato nelle settimane precedenti: “Una repubblica dei medici non la vogliamo”.

Ora però è proprio lo Spiegel a denunciare il linciaggio della Bild smontando un’operazione giornalistica alquanto avventata. Drosten è sparato sulla copertina del settimanale con un’espressione di sfida.
In una lunga intervista spiega che se non fosse stato per lui e i suoi colleghi la Germania avrebbe pianto 100 mila morti in più.
E l’avventata operazione giornalistica della Bild viene smontata pezzo a pezzo in un servizio che al giovane direttore del quotidiano del gruppo Springer Julian Reichel rischia ora di costare caro.
Anche se la parola d’ordine alla Bild è sempre stata prima si spara poi si parla, questa volta sono in gioco la salute dei cittadini e la sicurezza nazionale.
E la temuta repubblica dei medici sembra un fatto ormai difficile da evitare, anche sulle pagine dei giornali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

Google allarga l’offerta di News Showcase e introduce l’accesso ad articoli protetti da paywall

Google allarga l’offerta di News Showcase e introduce l’accesso ad articoli protetti da paywall

Dialoghi sul futuro del Giornalismo nei Podcast di Rai Radio 1. L’intervista ad Alessandra Ravetta di Prima Comunicazione

Dialoghi sul futuro del Giornalismo nei Podcast di Rai Radio 1. L’intervista ad Alessandra Ravetta di Prima Comunicazione