Massimiliano Paolucci alla direzione Relazioni esterne e sostenibilità di Terna. Riporta all’ad Donnarumma

Quando si è saputo che Stefano Donnarumma sarebbe diventato ad di Terna, lasciando lo stesso incarico in Acea, non c’era dubbio che alla comunicazione del gruppo che controlla la rete di trasmissione elettrica in Italia e le interconnessioni con l’estero, sarebbe arrivato Massimiliano Paolucci.

Stefano Antonio Donnarumma (Foto ANSA)

E così è successo . Il 18 maggio si e’ insediata la nuova governance di Terna, e di oggi è il comunicato dell’arrivo di Massimiliano Paolucci alla “direzione Relazioni Esterne e Sostenibilità del Gruppo a diretto riporto dell’amministratore delegato, Stefano Donnarumma”.

Massimiliano Paolucci

56 anni, giornalista professionista Paolucci ha con Donnarumma un rapporto speciale, maturato prima ad Aeroporti di Roma e poi in Acea da dove è uscito lasciando la responsabilità delle Relazioni Esterne e Comunicazione del Gruppo che ha ribaltato facendone un esempio di efficienza e di progettualita’ aiutato da una piccola squadra di collaboratori molto capaci.
Iniziata la sua carriera di comunicatore a Telecom Italia, dove ha scalato l’organigramma fino a diventare direttore, Paolucci ha avuto ruoli di responsabilità in Aiscat, Aeroporti di Roma, Gruppo Pirelli, Gruppo Condotte e Gruppo Acea. Adesso e’ approdato in un colosso da 2,29 miliardi di ricavi nel 2019, presente su tutto il territorio e con ambizioni di espansione all’estero, quotato in Borsa e con la quota di maggioranza, quasi il 30%, in mano a Cdp Reti, società per azioni controllata da Cassa Depositi e Prestiti Spa .

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8  mln 15 anni fa)

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8 mln 15 anni fa)