Calcio, i giornalisti alla Figc: garantire l’accesso alla stampa

“Non un accredito di meno” per gli stadi, “se si aprono cinema e teatri al pubblico”. Questa la posizione del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti – rappresentato dal presidente, Carlo Verna, e dal segretario, Guido D’Ubaldo – alla riunione svoltasi il 3 giugno in Federcalcio, cui hanno partecipato anche per la Fnsi il segretario, Raffaele Lorusso, e per l’Ussi il presidente, Luigi Ferrajolo. Col presidente della Figc Gabriele Gravina accompagnato, oltre che dall’ufficio stampa, dal segretario Marco Brunelli.

“Ci sono stati punti di condivisione della questione che riguarda l’accesso di giornalisti e fotografi negli stadi, ma – informa l’Ordine giornalisti – pur in un clima cordiale sono state evidenziate criticità e paletti posti dall’attuale protocollo. Il presidente Gravina si è impegnato a fare la propria parte per migliorarlo prima della ripresa del campionato e si è reso disponibile ad un nuovo incontro dopo il Consiglio federale dell’8 giugno”.

Stadio Olimpico – La zona riservata alla stampa (Foto Ansa – ALESSANDRO DI MEO)

L’Ordine ha annunciato che investirà della questione il Governo e se del caso il Parlamento,non volendo mettere in discussione le misure di sicurezza, ma la coerenza complessiva tra le stesse decise in vari settori della vita sociale in questa fase. “Al di là degli aspetti occupazionali e professionali, rilevanti in sè, la pluralità del racconto – hanno aggiunto Verna e D’Ubaldo – investe un profilo pubblicistico e il diritto del cittadino ad essere correttamente informato come è chiaro nell’articolo 21 della Costituzione per cui qualunque paletto in nome della sicurezza sanitaria deve essere ragionevolmente motivato o altrimenti rimosso”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Aumento dell’ascolto medio e contatti raddoppiati. L’effetto del lockdown sulle tv locali

Aumento dell’ascolto medio e contatti raddoppiati. L’effetto del lockdown sulle tv locali

L’Ue pensa a norme più severe per le big tech. Il piano Vestager: delineare confini legali, e non applicare solo leggi antitrust

L’Ue pensa a norme più severe per le big tech. Il piano Vestager: delineare confini legali, e non applicare solo leggi antitrust

Google lancia Digital Growth, programma di formazione per editori di piccole e medie dimensioni

Google lancia Digital Growth, programma di formazione per editori di piccole e medie dimensioni