Bbc, Tim Davie nuovo direttore generale: “cambiamenti per andare incontro agli spettatori”

Successione interna al vertice della Bbc, che ha scelto il nuovo direttore generale chiamato a prendere il posto da luglio di lord Tony Hall, le cui dimissioni – dopo 7 anni – erano state annunciate fin dai mesi scorsi. Il prescelto è Tim Davie, dal 2012 a capo di Bbc Studios, braccio commerciale e produttivo dell’emittente pubblica britannica.

La decisione è stata comunicata da sir David Clementi, presidente del cda, il quale ha sottolineato “l’esperienza e la competenza” di Davie, fondamentali per “le sfide” cui l’azienda va incontro: fra progetti di ristrutturazione e modernizzazione, ipotesi di tagli, rinnovo e revisione del contratto di servizio.
Hall, sotto la cui guida non sono mancati momenti di tensione con i governi conservatori che si sono succeduti negli ultimi anni, ha detto di essere certo di lasciare la Bbc “in mani sicure”.

“La nostra missione non è mai stata più rilevante e necessaria”, ha affermato Davie, assicurando il suo impegno per garantire la tradizione “della più alta qualità e imparzialità” sui contenuti trasmessi. Ma evocando pure novità. “Guardando avanti – ha aggiunto – dovremo accelerare nei cambiamenti per venire incontro a tutti i nostri utenti, continuare sulla strada delle riforme, fare scelte chiare, rimanere centrali in un mondo che si muove in fretta. Sono certo che potremo farlo grazie al fantastico team di persone che lavorano alla Bbc”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza