120 operazioni M&A nel 2019 per telco e tech. Pwc: con Covid goduto boom contenuti digitali ma colpito da calo adv

Il settore ‘Tmt’ (Technology – Media – Telecoms) ha visto un buon 2019 sul fronte delle operazioni di m&a, con una crescita del 14% sull’anno precedente e 120 transazioni, di cui la principale è quella che riguarda le torri di Vodafone e Inwit. A sottolinearlo un report di Pwc con i trend del 2019 e le previsioni per il 2020 in Italia, che evidenzia come, fra i tre comparti, a guidare sia quello tecnologico, con circa l’80% delle transazioni totali e un +17% sul 2018.

 

Secondo lo studio un altro trend è quello che vede gli investitori strategici più attivi in termini di numero di operazioni (94, pari a circa il 78% del totale) rispetto a quelli finanziari. Aumentano le transazioni domestiche, grazie al crescente interesse degli investitori strategici nazionali, che nel 2019 hanno completato 77 operazioni sul territorio (rispetto alle 60 del 2018); si riducono invece le operazioni con controparti estere inbound (-16).

Tra le operazioni più rilevanti, il report cita: Vodafone Towers – Inwit (deal value 5.3mld), ProsibienSat-Mediaset, Persidera-f2i/Ei towers (deal value 240m), Vivaticket-Investcorp e Gruppo Pa-Retelit.

Dall’analisi emerge che il Covid-19 ha avuto molteplici effetti sul settore. Il comparto media è stato quello maggiormente colpito perchè dipende in misura maggiore da investimenti pubblicitari e da eventi di aggregazione (come Sport, cinema, teatri). Vi sono state però alcune eccezioni positive per la crescente domanda di contenuti multimediali (ott video, video games, music/podcast). Per il futuro i media dovranno puntare su innovazione e creatività per produrre contenuti innovativi al fine di incrementare audience e migliorare la customer experience nell’uso di piattaforme multimediali, nonchè identificare nuovi modelli di subscription ed advertising.

Per quanto riguarda invece i segmenti technology e telecom, sono definiti dal report “più resilienti”, ed hanno avuto un ruolo centrale nell’emergenza covid-19, con software, tecnologie e reti a supporto del remote working, e-learning, e-commerce, e-health. Il covid-19 ha posto tra i temi centrali dell’agenda politica l’accelerazione dello sviluppo delle reti in fibra e riduzione del digital divide in italia. Tra i temi di maggior rilevanza anche il cybersecurity, per le crescenti minacce di attacchi informatici in un contesto di maggior complessità di sistemi di comunicazione e livello di digitalizzazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

Streaming, tagli di canali e il dinamismo dei brand radiofonici. Cosa è successo nel panorama tv italiano nel primo semestre 2020

Streaming, tagli di canali e il dinamismo dei brand radiofonici. Cosa è successo nel panorama tv italiano nel primo semestre 2020