Mediaset: Vivendi apre nuovo procedimento in Spagna. Il 22 luglio l’udienza in Tribunale

Condividi

Vivendi torna in pressing su Mediaset Espana e si moltiplicano le cause legali aperte tra i due soci. Il gruppo francese, nell’ambito della battaglia legale ingaggiata per fermare la riorganizzazione del gruppo, ha depositato una seconda procedura sul merito dopo che l’assemblea di febbraio ha adottato lo statuto modificato di Mfe, la holding olandese. Questo mentre Mediaset ha chiesto in tribunale la sospensione del procedimento nel merito avviato lo scorso settembre da Vivendi.

L’8 giugno, si legge in una comunicazione alla Consob spagnola, è stata notificata a Mediaset España Comunicación, “una citazione da parte di Vivendi che impugna le delibere dell’assemblea straordinaria del 5 febbraio, in relazione ad alcuni aspetti vincolanti della fusione transfrontaliera e sollecita l’adozione di misure cautelari”.

L’ udienza di questo nuovo procedimento, spiega Mediaset Espana in una nota, è stata fissata al 22 luglio.

Nel collage (foto Ansa), da sinistra: Vincent Bollorè e Pier Silvio Berlusconi

Domani è invece in agenda l’assemblea ordinaria della controllata a cui fa capo Telecinco. In base alle regole Covid adottate anche in Spagna la riunione non avrà presenze fisiche e i soci votano per via telematica sui conti 2019.
Nello stesso giorno si svolgerà l’assemblea virtuale di ProSiebenSat.1 Media per approvare il bilancio, nominare un nuovo consigliere (Antonella Mei-Pochtler nel supervisory board in sostituzione di uno dimissionario) e confermare la società di revisione.