Sky: investimenti da 30 milioni di sterline e due strutture di supervisione per la lotta contro razzismo

Sky dà il via a una serie di iniziative per supportare la lotta contro l’ingiustizia razziale. Il gruppo ha annunciato che per i prossimi 3 anni investirà 10 milioni di sterline ogni anno in ognuno dei mercati in cui è presente, affidando a due nuovi gruppi di lavoro – il Diversity Action Group e il Diversity Advisory Group – la supervisione delle iniziative e il compito di garantire che gli impegni siano rispettati.

L’impegno per supportare la lotta contro il razzismo e aumentare la diversità e l’inclusione, spiega una nota, si basa “su aumentare la rappresentanza delle minoranze etniche a tutti i livelli; fare la differenza nelle comunità impattate dal razzismo; utilizzare il potere della voce di Sky e della sua piattaforma per evidenziare le ingiustizie”. Il tutto lavorando in sinergia con la capogruppo Comcast e con Nbcu negli Stati Uniti per far sì che questo diventi uno sforzo globale per combattere il razzismo e l’ingiustizia razziale.

Jeremy Darroch (foto Ansa -EPA/PAUL MCERLANE)

Sky, dunque si legge ancora nel dettaglio, si impegnerà “ad implementare un cambiamento reale e duraturo migliorando la rappresentanza delle minoranze etniche a tutti i livelli del business, in particolare nella senior leadership; investirà nella formazione dei propri leader e dirigenti affinché abbiano una conoscenza approfondita delle problematiche relative alla diversità e all’inclusione e per verificare il loro effettivo impegno con i loro colleghi e team”. In collaborazione con il Diversity Action Group e il Diversity Advisory Group, verranno sostenute “le organizzazioni benefiche per fare la differenza nelle comunità colpite dal razzismo attraverso un contributo finanziario significativo a favore della lotta per l’uguaglianza razziale e per sostenere le cause che colpiscono le minoranze etniche e coloro che lavorano per migliorare le vite delle persone”. L’impegno di Sky, sottolinea la nota, proseguirà per diversi anni.
Infine, il gruppo “utilizzerà la forza e la portata della propria voce per evidenziare i problemi relativi all’ingiustizia razziale con contenuti dedicati”, e continuerà “a lavorare per rendere più ampia la rappresentanza dei neri e delle minoranze etniche davanti e dietro la telecamera”.

Il Diversity Action Group sarà composto da diversi colleghi provenienti da tutta Sky e sarà presieduto dal ceo di Sky, UK ed Europa, Stephen van Rooyen. Il Diversity Advisory Group sarà composto da collaboratori esterni indipendenti e fornirà consulenza a Sky su come offrire un cambiamento reale e duraturo, sia all’interno dell’azienda sia nelle comunità colpite dal razzismo.

Nell’annunciare gli impegni e lo stanziamento, Jeremy Darroch, Sky Group Chief Executive, ha detto: “Ho ascoltato le opinioni dei nostri colleghi a Sky. Il messaggio forte e chiaro che mi è arrivato è che possiamo e dobbiamo fare di più per sostenere la lotta contro l’ingiustizia razziale”. “Per portare avanti i cambiamenti che contano davvero passeremo molto più tempo ad ascoltare e a seguire i consigli di coloro che comprendono i problemi, ha aggiunto. “Lavoreremo insieme con i nostri colleghi parte di minoranze etniche e con consulenti esterni per sostenere il vero cambiamento e useremo il potere della voce e della portata di Sky per evidenziare l’ingiustizia razziale nel Regno Unito e nel mondo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza