Covid, Ue intensifica gli sforzi anti fake news. Jourova: Cina e Russia principali fonti disinformazione; Italia tra i più colpiti

“Il coronavirus ha avuto un enorme impatto sulle persone in tutto il mondo. La pandemia è stata accompagnata da una grave infodemia, siamo stati testimoni di un’ondata di informazioni false, teorie cospiratorie e operazioni di influenza mirate a opera di attori esterni. Alcune di queste hanno avuto come obiettivo quello di danneggiare l’Ue e i suoi Stati membri”. E’ l’allarme lanciato dall’Alto rappresentante della Ue, Josep Borrell, che oggi ha presentato una Comunicazione Ue contro la disinformazione insieme a Vera Jourova, vicepresidente della commissione Europea con delega alle Politiche sui valori e sulla trasparenza.

“Ci sono state ondate di disinformazione dall’inizio della pandemia di coronavirus. Provengono sia dal territorio dell’Ue che dall’esterno”, ha specificato la vicepresidente Jourova, citando in particolare Russia e Cina, indicate come le principali fonti di disinformazione. “Abbiamo sufficienti prove per dirlo”, ha spiegato, aggiungendo poi che l’Italia “è tra i Paesi che sono stati più colpiti dall’infodemia”. La disinformazione si alimenta di paure e ansie e si concentra sui Paesi più colpiti dal Coronavirus e quindi sulle “società più vulnerabili”, ha rimarcato.

Josep Borrell e Vera Jourova (Foto Ansa – EPA/FRANCISCO SECO / POOL)

“Dobbiamo migliorare la nostra strategia di comunicazione per raccontare la nostra storia sull’Europa e sul sostegno dell’Ue nella lotta al virus”, ha detto ancora. Per combattere la disinformazione, diventa quindi importante “mobilitare tutti gli attori pertinenti, dalle piattaforme online alle autorità pubbliche, e sostenere il fact checking”. “Le piattaforme online, ha spiegato ancora Jourova, hanno compiuto passi positivi durante la pandemia ma devono intensificare i loro sforzi”. “Dobbiamo garantire che siano trasparenti, perché i cittadini devono sapere da dove e come arrivano loro le informazioni”, e che siano evitati “incentivi finanziari per diffondere la disinformazione”, ha spiegato ancora Jourova, indicando il social cinese Tik Tok come prossimo all’adesione al codice, mentre sono in corso negoziati anche con WhatsApp.

“Per l’Europa i media indipendenti e la stampa svolgono un ruolo centrale in questa battaglia”, ha aggiunto ancora, chiedendo agli Stati membri “di garantire che i giornalisti possano lavorare nelle giuste condizioni e di sfruttare al massimo il nostro pacchetto per il rilancio per sostenere i media”.

“Abbiamo il dovere di proteggere i nostri cittadini sensibilizzandoli sull’esistenza di informazioni false e di puntare il dito contro gli attori responsabili di tali pratiche”, ha ripreso Borrell. “L’Unione europea aumenterà le sue attività e le sue capacità nel tentativo di combattere queste pratiche”. “Abbiamo lavorato con il Servizio Europeo di Azione Esterna e la Commissione su questa comunicazione in cui identifichiamo gli step da fare immediatamente per aumentare la nostra capacità di far fronte alla disinformazione”, ha spiegato Borrell. “Abbiamo ampliato gli sforzi per rispondere alle operazioni di influenza straniera”; “vogliamo rafforzare il nostro intervento, aumentando la cooperazione sulla comunicazione strategica e la diplomazia pubblica e a questo proposito, aumenteremo gli scambi informazioni con i nostri partner principali. Rafforzeremo anche il nostro lavoro per monitorare la violazione della libertà di stampa e supportare la difesa di un ambiente dei media sicuro”, ha spiegato poi.

“La democrazia è un sistema alimentato dall’informazione. Se le persone non hanno le informazioni giuste è difficile per loro fare una scelta corretta e una scelta corretta è basata su informazioni di qualità, basate su fatti e dati”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La tv pubblica greca si rifà il look. Ispirandosi ai loghi Rai

La tv pubblica greca si rifà il look. Ispirandosi ai loghi Rai

Calcio in tv. Vertice tra Milan, Inter e Juventus su fondi di private equity nella media company della Lega

Calcio in tv. Vertice tra Milan, Inter e Juventus su fondi di private equity nella media company della Lega

Pronto al debutto il progetto Green&Blue, su internet e carta, per tutti i quotidiani Gedi

Pronto al debutto il progetto Green&Blue, su internet e carta, per tutti i quotidiani Gedi