Biden in pressing su Facebook: stop fake news con regole chiare. La replica: proteggeremo il discorso politico

La campagna di Joe Biden va in pressing su Facebook, chiedendo al social network di promuovere notizie vere, eliminare subito la disinformazione virale e le finte inserzioni elettorali. Con l’hashtag #MoveFastFixIt, gli elettori democratici sono chiamati a condividere sui social la richiesta di intervenire rivolta a Mark Zuckerberg, e a firmare una lettera aperta indirizzata al ceo di Facebook.

Joe Biden (Foto Ansa – EPA/TRACIE VAN AUKEN)

Nella lettera si ricorda la fabbrica di troll russa che ha influenzato le elezioni presidenziali americane del 2016. Al social si chiedono “regole chiare – applicate a tutti, incluso Donald Trump – che vietino comportamenti minacciosi e menzogne su come partecipare alle elezioni”. Si propone anche che nelle due settimane precedenti al voto tutte le inserzioni politiche siano sottoposte a fact checking prima di essere pubblicate.

La risposta di Facebook non si è fatta attendere: “Proprio come hanno fatto con le reti tv – cui il governo Usa proibisce di rifiutare pubblicità politiche – i politici eletti dovrebbero stabilire le regole, e noi le seguiremo”, si legge sul sito del social. In vista delle presidenziali “proteggeremo il discorso politico, anche quando siamo fortemente in disaccordo con esso”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Google: 1 miliardo di dollari per pagare gli editori. In arrivo Showcase, nuova sezione con news scelte dalle testate partner

Google: 1 miliardo di dollari per pagare gli editori. In arrivo Showcase, nuova sezione con news scelte dalle testate partner

Psa: nasce Groupe Psa Italia Spa. Alla guida il ceo Gaetano Thorel

Psa: nasce Groupe Psa Italia Spa. Alla guida il ceo Gaetano Thorel

Radio, adv in ripresa ad agosto: -1%. Fcp: miglioramento sui mesi precedenti, con investimenti quasi allineati al 2019

Radio, adv in ripresa ad agosto: -1%. Fcp: miglioramento sui mesi precedenti, con investimenti quasi allineati al 2019