Rai, Salini rimanda la presentazione dei palinsesti agli investitori pubblicitari: prima taglio dei costi anche su talenti e programmi

Condividi

La Rai ha deciso di prendere un po’ di tempo per la presentazione dei palinsesti dell’autunno agli investitori pubblicitari e ai rappresentanti dei media, che girava voce fossero in programma il primo luglio. L’ad Fabrizio Salini li presenterà al consiglio di amministrazione nella riunione prevista per mercoledi 17 giugno, ma ha deciso di lasciarsi tempo per verificare come riuscire a procedere con la politica di risparmi e di riorganizzazione che ha comunicato ai manager di prima fila venerdi scorso. L’evento sarà sempre entro i prii dieci giorni di luglio.

“Rivedremo la politica dei compensi come la conosciamo fino ad oggi”, aveva detto Salini creando il panico tra produttori e talenti. “Lo faremo in modo convinto e determinato sapendo anche che non riusciremo a chiudere alcuni contratti e programmi ma dobbiamo essere decisi nella nostra volontà.” è il messaggio dell’ad convinto che “Dalla crisi dobbiamo prendere atto che nulla è come prima e dobbiamo avere una cultura diversa che porterà benefici a tutto il sistema”, ha chiarito l’ad che ha incaricato direttori di rete, responsabili dei vari settori della programmazione, e degli uffici acquisti di aprire il confronto con tutti i fornitori dell’azienda. Sarà un duro braccio di ferro con agenti tosti come Lucio Presta o Beppe Caschetto, che hanno in portafoglio il meglio dell’offerta degli artisti e collaboratori Rai, ma la posizione di Salini è molto netta: “Non dobbiamo aver paura di perdere un artista o un programma”, anche perchè sa che il mercato dell’audiovisivo e dei broadcaster è in crisi per tutti, anche per i concorrenti della Rai, e l’epoca degli ingaggi d’oro è veramente tramontata.