Italiani online, in aprile diminuisce la total digital audience rispetto al boom di marzo (-1,3%) ma emergono nuovi trend post-emergenza

Audiweb ha distribuito il nastro di pianificazione, Audiweb Database, con i dati della fruizione di internet (total digital audience) del mese di aprile 2020. I nuovi dati Audiweb Database, sono stati distribuiti alle software house per essere consultati dagli operatori iscritti al servizio tramite i tool di analisi e pianificazione.

La total digital audience nel mese di Aprile 2020
I dati dell’audience online del mese di aprile presentano ancora valori in crescita rispetto al periodo pre-Covid-19, per effetto dello stato di emergenza e del lockdown ancora confermato anche per questo mese. Con 44,1 milioni di utenti unici mensili, il numero di persone che hanno utilizzato internet da Computer e/ o Mobile (Smartphone e Tablet) ad aprile resta vicino al livello di marzo (- 1,3%).
Come per il mese di marzo, anche ad aprile si registra un incremente delle persone attive su internet da Computer rispetto al mese pre-Covid19 di febbraio (+4,8%), sebbene rispetto al mese di marzo in cui avevamo visto il record di utenti da Computer, si registra un calo pari al -5,7%. Le due fasce under 18 aumentano rispetto a febbraio da Computer complessivamente del 39% i 2-12 anni (1,8 milioni pari al 30,4% di questa fascia della popolazione) e del 20% i 13-17 anni (1 milione, pari al 47,2%).

Nel giorno medio ad aprile erano online 35,5 milioni di utenti unici, quasi il 60% degli individui di 2+anni. Anche per questi dati, che danno un’idea del livello di frequenza e continuità d’accesso a internet, la fruizione complessiva dell’online si mantiene ancora leggermente più elevata rispetto al giorno medio del mese di febbraio pre-emergenza (+1,7%) – e pressoché simile a marzo (-0,9%) -, trainata principalmente dall’uso del Computer per accedere alla rete (+23,5%), a scapito della fruizione da Smartphone che registra una flessione del -2,1%.

Entrando nel dettaglio dei differenti profili degli utenti online, si rilevano ancora incrementi sostenuti in confronto al mese di febbraio, principalmente per gli under 18. Aumentano, infatti, del +132,8% i 2-12enni online nel giorno medio da Computer (419 mila) – l’unica che continua a crescere anche nel confronto con il mese di marzo (+19,7%) – del 94,8% i 13-17enni (339 mila) e, più in generale, del 20,9% degli uomini online da questo device (7,6 milioni) e del 27,2% le donne (5,7 milioni).

Anche dai dati sulla provenienza geografica degli utenti online nel giorno medio, ad aprile risulta che rispetto a febbraio l’audience giornaliera è tendenzialmente in crescita in tutte le aree geografiche e, in particolare, gli utenti attivi da Computer sono aumentati di più nelle aree Nord-Ovest (+19,7%) e Sud e Isole (+31,4%) rispetto al confronto tra marzo e febbraio, sebbene le altre due aree geografiche presentino valori in crescita rispetto alla normalità (+15,6% nel Nord Est e +24,6% nel Centro).

Ad aprile il tempo speso online per persona nel giorno medio ha toccato le 4 ore e 38 minuti, generato principalmente da Smartphone (l’80% del tempo complessivo trascorso online), ma con un ulteriore aumento del tempo speso per persona da Computer (+25,5% rispetto a febbraio e +8,2% rispetto a marzo), segno che in questo periodo sembra essere confermato l’uso più frequente di questo dispositivo nelle abitudini degli Italiani .
Un fenomeno trasversale, quest’ultimo, che si registra sia per gli uomini (+26,6% il tempo speso trascorso da Computer rispetto a febbraio) che per le donne (+24,2%) e per tutte le fasce d’età. Inoltre, anche in questo mese di rilevazione, come per marzo, è stato rilevato un particolare aumento del tempo online da Computer per i giovanissimi di 2-12 anni (+66,8% su febbraio) e per i 13-17 anni (+78,3%).

Per quanto riguarda le categorie di siti più visitati, ad aprile i dati ci restituiscono un quadro generale di leggera flessione rispetto al boom registrato a marzo, segno di un graduale ritorno alla normalità. Si rileva ancora un incremento del tempo speso e, confrontando i dati con il mese di febbraio pre-emergenza, restano confermati livelli di audience elevati soprattutto in alcune sotto-categorie.


Alcune abitudini sembrano consolidarsi ulteriormente in aprile, sicuramente tutte quelle legate alle necessità di lavorare, studiare e comunicare a distanza. Ad esempio, la categoria Education & Careers risulta complessivamente stabile, ma con una spinta sostenuta per la sottocategoria Educational Resources che raggruppa principalmente i player che offrono servizi di educazione e studio a distanza e che cresce del 2,4% rispetto a marzo in termini di utenti unici (ma del 32,7% rispetto a febbraio) e del 27,4% per il tempo speso per persona.

I dati della sotto categoria Mass Merchandiser (che raggruppa siti dedicati all’ecommerce) risultano pressoché stabili (-1,9% rispetto a marzo), ma anche in questo caso aumenta il tempo speso per persona (+9,9%), rappresentando una realtà a due facce: da un lato i siti per la spesa online calano pur mantenendosi su livelli di audience ben più alti rispetto a febbraio, dall’altro i siti “non food” (ad esempio elettronica da consumo) invece crescono.

Superato il momento in cui era necessario restare al passo con i frequenti aggiornamenti da parte delle istituzioni, la categoria Government mostra calo dell’audience pari al -7,2%, sebbene il tempo che gli utenti dedicano a questo tipo di siti aumenti del 5,2% rispetto a marzo. Tendenza simile si può notare per la categoria Current Event & Global News News e Information i cui siti risultano in flessione rispetto a marzo, sia per utenti unici (-3,8%) che per tempo speso (-16,9%), ma mantenendosi ancora su livelli più elevati rispetto al mese di febbraio pre-emergenza (+2,6% gli utenti unici mensili rispetto al mese di febbraio 2020).

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Carlo Tecce lascia il ‘Fatto’ per passare all”Espresso’ come inviato

Carlo Tecce lascia il ‘Fatto’ per passare all”Espresso’ come inviato

Ascolti a +37% e maggior permanenza dei più giovani davanti al piccolo schermo. L’effetto del lockdown sulle tv nazionali

Ascolti a +37% e maggior permanenza dei più giovani davanti al piccolo schermo. L’effetto del lockdown sulle tv nazionali

Tim esclude Huawei dalla gara per il 5G in Italia e Brasile

Tim esclude Huawei dalla gara per il 5G in Italia e Brasile