Nasce A-Live, la piattaforma di streaming per la musica live

Condividi

La musica italiana reagisce all`emergenza COVID-19 e si lancia nel futuro dello spettacolo dal vivo creando A-LIVE, una piattaforma per concerti in remoto di nuova concezione che permette l`interazione tra artisti e pubblico in tempo reale al fine di costruire un`esperienza live in streaming senza precedenti. È disponibile anche l`APP della piattaforma per iOS e Android (d.tok.tv/alive).

Grazie ad A-LIVE, tutti gli artisti avranno la possibilità di organizzare un vero e proprio tour virtuale, con concerti a numero chiuso geolocalizzati per aree o città specifiche, di incontrare i fan dopo il concerto con delle videochat esclusive e, soprattutto, di suonare vedendo e sentendo il pubblico e la sua energia grazie ad una nuova tecnologia che unisce elementi reali con elementi virtuali ricreando così una platea virtuale e partecipativa.

Così i fan potranno godersi i concerti dei loro beniamini, scatenarsi insieme agli amici trasmettendo la propria energia agli artisti attraverso strumenti interattivi che renderanno l`esperienza unica. La piattaforma permetterà di sfruttare le infinite possibilità delle tecnologia per creare forme artistiche, creative e di fruizione radicalmente nuove che sposteranno la frontiera della musica live nel futuro.
È così che nasce A-LIVE, da un`esigenza concreta, dalla voglia di reagire: MUSIC IS A-LIVE! Questa è la base dell`idea di ALEX BRAGA, musicista d`avanguardia pioniere dell`Intelligenza Artificiale Musicale che ha appena pubblicato l`album “Spleen Machine” per la prestigiosa etichetta berlinese !K7, sviluppata in collaborazione con FABRIZIO CAPOBIANCO, imprenditore seriale della Silicon Valley, Chief Innovation Officer di Minerva Networks e creatore di TokTv, che hanno radunato artisti, tecnologi, investitori per ricostruire la grande magia dei concerti e spingerla oltre i confini dell`immaginazione.

Alex Braga doveva iniziare il suo tour dagli Stati Uniti lo scorso 14 marzo, in uno dei festival più importanti del mondo, il SXSW. Poi arriva la pandemia, il lockdown e tutto viene congelato a data da destinarsi. Braga, che della tecnologia applicata all`arte e alla ricerca ha fatto una ragione di vita, ha un flash molto chiaro: se non si trova una soluzione in fretta si potrebbe restare fermi per un tempo molto lungo.
È così che Alex coinvolge Fabrizio Capobianco, programmatori, cantanti e musicisti, visual artist, designer, manager delle maggiori agenzie di live music.
Moffu Labs (www.moffulabs.com), un fondo di investitori, consulenti e imprenditori di grande spessore, appassionati di musica e di futuro, accende la scintilla supportando i primi sviluppi del progetto, che in breve tempo si guadagna l`appoggio del music business.

A-LIVE è un segnale forte di cambiamento, che dall`Italia prova a tracciare una strada nuova e diversa, che lega insieme un`idea di futuro sostenibile fra tecnologia e creatività, da percorrere insieme a tutti i musicisti e amanti della musica nel mondo.

“La lezione più importante che possiamo imparare da questa crisi globale – afferma Alex Braga – è quella di cercare di immaginare insieme un futuro diverso”.

“Creatività, arte e tecnologia sono tre fattori abilitanti”, dice Massimiliano Colella, direttore di InnovaCamera, l`azienda speciale della Camera di Commercio di Roma che organizza da otto edizioni MakerFaireRome The European Edition, il più grande evento europeo sull`innovazione. “Sono felice – continua Colella – che dal seme che abbiamo piantato insieme con Alex in MFR già nel 2018 – un percorso di sperimentazione tra musica e intelligenza artificiale – sia nata questa iniziativa alla quale guardiamo con interesse e fiducia e sentiamo molto vicina perché ci dà la conferma che i tre fattori citati prima, quando ben mixati, aprono le porte alla vera innovazione. MakerFaireRome seguirà da vicino e racconterà sui suoi canali e alla sua community l’evoluzione di A-Live”.