Ricatti e cyberbullismo su TikTok, il Governo francese chiede al social di «prendere misure drastiche»

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

 

Twitter sperimenta i messaggi vocali. Il social network sta testando una nuova funzione che permette di pubblicare messaggi audio. Un tool che «aggiungerà un tocco più umano al modo in cui utilizziamo Twitter» spiega la compagnia sul blog.

La piattaforma che ha ridato lustro agli hacker. È nata nel 2012 a San Francisco e in questi anni è diventata leader mondiale nel bug bounty, la caccia ai bug. Oggi HackerOne conta circa 2 mila clienti che ogni anno pagano un abbonamento per avere accesso ai 700 mila hacker “etici” presenti sulla piattaforma. L’anno scorso, per tutti gli errori informatici scoperti dagli hacker, sono stati versati loro 40 milioni di dollari, il doppio rispetto al 2018.

Chiuse sette piattaforme illegali di web tv. Continua l’offensiva della Guardia di Finanza e della magistratura contro le violazioni del copyright. Dopo la chiusura di decine di canali Telegram che diffondevano gratuitamente giornali e riviste, questa volta è toccato a una «centrale di pirateria del segnale televisivo» che offriva 450 canali a prezzi stracciati: 160 mila abbonamenti bloccati, sequestro di 56 server e 2 siti web chiusi è il bilancio dell’operazione.

Web tax, altro scontro Usa-­Ue. Gli Stati Uniti si sono ritirati dai negoziati con l’Ue, il ministro delle Finanze francese ha detto che la Francia ricomincerà a riscuotere l’imposta del 3% sulle entrate provenienti dai servizi digitali se i Paesi non troveranno un accordo. Il ministro dell’Economia italiano Roberto Gualtieri: «La posizione dell’Italia sulla digital tax non cambia. Abbiamo sempre sostenuto l’importanza di una soluzione globale e siamo determinati a continuare a lavorare per una soluzione entro il 2020». L’Ue ha dichiarato che, senza gli Usa, proseguirà sulla strada di una web tax europea.

Ricatti e abusi sessuali, Parigi accusa TikToK. «Venite, lanciamo #Balancetontiktokeur e denunciamo chi su TikTok approfitta dei follower per chiedere foto senza vestiti a minorenni», ha scritto mercoledì sera una ragazza riscuotendo enorme successo. Il governo francese ha preso posizione attraverso Marlène Schiappa, segretaria di Stato con delega alla parità uomo­donna e alla lotta alle discriminazioni. «TikTok è il social media dei nostri bambini e adolescenti, deve essere un posto sicuro. Sono sotto choc per le testimonianze di abusi, ricatti e violenze sessuali. Chiedo immediatamente un incontro con i vertici di TikTok: dobbiamo prendere misure drastiche».

Cyberbullismo in aumento durante il lockdown. Sono circa mille le segnalazioni di cyberbullismo e violenza on line, di cui un quinto dalla Lombardia, ricevute nei tre mesi di emergenza Covid dagli operatori della Fondazione Carolina, che ora chiede interventi urgenti per frenare il problema.

Facebook ieri ha disattivato una serie di inserzioni pubblicitarie dalle pagine di Donald Trump, della sua campagna elettorale e del vicepresidente Mike Pence per violazione delle regole contro l’odio organizzato”. I post cancellati erano illustrati con un grande triangolo rosso rovesciato, simbolo usato dai nazisti fin dagli anni Trenta, e poi negli anni Quaranta nei campi di sterminio, per identificare i prigionieri politici, come i socialisti e i massoni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza