Raiway: nominato il nuovo Cda, con Pasciucco presidente. Mancino confermato ad

Raiway nomina il nuovo consiglio di amministrazione con alla presidenza Giuseppe Pasciucco (al posto di Mario Orfeo, approdato nelle scorse settimane alla direzione del Tg3), e la conferma di Aldo Mancino come amministratore delegato. I soci hanno approvato il bilancio, chiuso con un utile netto di 63,36 milioni, e deciso di attribuire un dividendo di 0,2329 lordi a ciascuna delle azioni ordinarie in circolazione.

In occasione dell’assemblea, rispondendo per iscritto alle domande dei soci, Rai Way ha inoltre confermato che “la crescita per linee esterne è tra i potenziali driver di sviluppo societario”.

Il cda, con 9 amministratori, è composto da Pasciucco e Mancino, Stefano Ciccotti, Donatella Sciuto, Paola Tagliavini, Barbara Morgante, Annalisa Raffaella Donesana, Riccardo Delleani (dalla lista di maggioranza presentata da Rai-Radiotelevisione italiana che detiene il 64,971% circa del capitale) e Umberto Mosetti (dalla lista di minoranza presentata da parte di Artemis Investment Management e per conto di alcuni fondi di investimento, con una partecipazione complessivamente rappresentante il 9,981% circa del capitale).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8  mln 15 anni fa)

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8 mln 15 anni fa)