‘Via col vento’ torna disponibile su Hbo Max, con un disclaimer e dei video di spiegazione

Dopo il suo ritiro temporaneo sulla scia delle proteste anti-razziste globali, ‘Via col vento’ è nuovamente disponibile nel catalogo della piattaforma di pellicole in streaming Hbo Max, con un disclaimer e due contenuti video extra che spiegano il contesto storico del film, uscito nel 1939.Per rispondere alle accuse di razzismo, lo scorso 10 giugno il film era stato ritirato dalla piattaforma del gruppo Warner Media. Ora la direzione di Hbo Max ne annuncia il ritorno nella programmazione, con un disclaimer in cui si ammette che il film “nega gli orrori dello schiavismo” e un contenuto extra di due video spiegazioni. Nel primo, la studiosa e personaggio televisivo Jacqueline Stewart fa notare che “pur essendo uno dei film dalla popolarità più longeva di sempre, la sua diffusione è stata controversa sin dall’inizio tra i cittadini afro-americani”. Nel criticare la linea del produttore David O Selznick, ben consapevole dell’impatto che avrebbe avuto il film sul pubblico nero, Stewart deplora che “rappresenti il Sud come un mondo di grazia e bellezza senza riconoscere le brutalità del sistema della tratta degli schiavi sul quale quel mondo era fondato”.

Dando ragione a quanti hanno attaccato la pallicola nel contesto delle proteste per l’uccisione di George Floyd e contro il razzismo, la studiosa sottolinea che “il trattamento di quel mondo attraverso la lente della nostalgia nega l’orrore della schiavitù e la sua eredità in termini di disuguaglianza razziale”.

Il secondo video è invece un dibattito tra storici ed analisti sulla “complessa eredità” lasciata dal film, vincitore di 8 Oscar, con 3,44 miliardi di dollari di incassi. Il film di Victor Fleming tratto dal romanzo di Margaret Mitchell è stato regolarmente accusato di revisionismo da parte di alcuni storici.
Il lungometraggio è considerato da molti universitari come uno strumento ambizioso ed efficace del revisionismo sudista, per mostrare in una veste accettabile il Sud prima della guerra di Secessione. Al centro dell’ideologia della ‘Lost Cause’ la teoria che gli Stati del Sud hanno lottato per la propria indipendenza politica, minacciata dal Nord, e non per il mantenimento della schiavitù. Una linea che rappresenta una contro-verità storica e di cui ‘Via col vento’ è intrisa, proponendo una visione molto edulcorata dello schiavismo, con i domestici trattati come impiegati ordinari e felici della propria sorte.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8  mln 15 anni fa)

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8 mln 15 anni fa)