Europa Donna Italia, nuovo board contro il tumore al seno

Ricominciare. Dopo il lockdown, che ha purtroppo bloccato interventi medici, visite ed esami, è tempo di tornare ad affrontare la situazione a viso aperto.Europa Donna Italia, che da anni combatte il tumore al seno, annuncia così la nuova squadra che fino al 2022 guiderà il Movimento per il diritto alla prevenzione e alla cura. Presidente si conferma per il decimo anno, nel segno di una continuità di impegno, Rosanna D’Antona: ex paziente, imprenditrice nel mondo della comunicazione, con al suo attivo tre start up, e per  13 anni presidente di Havas pr, prima di diventare nel 2011 presidente di Edi.

Con D’Antona, nel board lavoreranno: Antonella Bottazzi, Franco Campagna, Giovanna Maggioni, Deliana Misale, Paola Mosconi, Carlo Naldoni, Paola Pignocchi, Laura Pinnavaia, Loredana Pau, Mariuccia Renne, Cinzia Sasso ed Emanuela Tavella.

Le provenienze sono eterogenee – ci sono giornaliste come Sasso, oncologi come Naldoni, docenti universitarie come Pinnavaia, esperte di relazioni pubbliche come Misale, oltre a ex pazienti motivate a occuparsi del diritto a conciliare lavoro e malattia – ma l’obiettivo comune è fare il più possibile rete, in difesa delle donne.

Per questo, come osserva la presidente, si farà sempre più stretto il legame con gli interlocutori abituali di Edi,in particolare le  Associazioni del territorio, la comunità scientifica e le Istituzioni. Le Associazioni locali che fanno parte della rete del Movimento sono 153, e la loro partecipazione verrà rafforzata anche con l’uso di spazi e strumenti dedicati allo scambio e all’aggiornamento reciproco. Un primo atto di riconoscimento e affermazione del valore del volontariato in senologia è il ‘Rapporto di valorizzazione: le attività del 2019 delle associazioni italiane del tumore al seno’: redatto con il supporto metodologico della società di revisione PricewaterhouseCoopers, sarà pubblicato in settembre.

Nel prossimo triennio proseguirà inoltre il percorso formativo per le Associazioni, con la conclusione dell’alta formazione sul management del 3° settore impegnato in senologia, realizzato in partnership con l’Università Cattolica, e corsi specifici sui progressi terapeutici per il tumore metastatico, le tematiche relative alla conciliazione tumore e lavoro, le nuove frontiere della ricerca genomica…

Il Consiglio sarà inoltre impegnato in attività di advocacy per la diffusione omogenea, in tutte le Regioni, dei Centri di Senologia Multidisciplinari (Breast Unit), oltre che nell’informazione alle donne e all’opinione pubblica sull’esistenza di queste strutture di cura di alta qualità in collaborazione con gli Assessorati delle singole Regioni e nella messa in rete della mostra virtuale ‘Dammi la mano’, dedicata all’importanza che ricopre la figura del caregiver nel percorso terapeutico della paziente.

Un fronte più ‘simbolico’ che Edi intende promuovere è poi il riconoscimento del 13 ottobre come giornata istituzionale per la sensibilizzazione sul tumore al seno metastatico, già celebrata all’estero in diversi Paesi. Ma a questo si aggiunge la richiesta al ministero della salute e agli assessorati regionali alla Salute per l’ottenimento della presenza di rappresentanti delle Associazioni ai tavoli di lavoro nazionali e regionali dedicati alla messa a punto dei percorsi diagnostico-terapeutici e al monitoraggio delle Breast Unit. Infine, Europa Donna Italia chiede la ricostruzione del gruppo di lavoro parlamentare che per anni ha visto deputate di tutti gli schieramenti sostenere insieme le cause dei diritti delle donne con tumore al seno.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Start per Bolt, la content factory del Gruppo TBWA\Italia guidata da Lampugnani

Start per Bolt, la content factory del Gruppo TBWA\Italia guidata da Lampugnani

Nuova partnership pluriennale per Sky e Sony Pictures Television

Nuova partnership pluriennale per Sky e Sony Pictures Television

Rilanciare il Made in Italy, Gruppo 24 Ore e Financial Times insieme per una serie di eventi digitali

Rilanciare il Made in Italy, Gruppo 24 Ore e Financial Times insieme per una serie di eventi digitali