Fake news, la task force Ue: Italia bersaglio dei media pro-Cremlino sul Covid-19

Le fake news sul coronavirus da parte di media pro Cremlino continuano a non risparmiare l’Italia. Secondo la propaganda di disinformazione russa il nostro Paese avrebbe ricevuto aiuti per contrastare la pandemia solo da Cina, Russia e Cuba, mentre sarebbe stato abbandonato dall’Ue e dagli alleati della Nato.

E’ quanto si legge nella newsletter di East StratCom, la task force europea ‘EUvsDisinfo‘ per la lotta alla disinformazione del Servizio Ue per l’azione esterna. La notizia falsa sarebbe stata diffusa in lingua araba sui siti Sputnik Arabic, akhabarak, AlAraby AlYoum, New Hub e Alsawaky.

EUvsDisinfo riporta fake news ricorrenti sul coronavirus che avrebbe portato alla “distruzione dell’unità dell’Ue”, la maggior parte sostiene messaggi no vax e promuove cure false, la teoria cospirativa del virus creato in laboratori Usa per attaccare la Russia. Alcuni siti internet sostengono anche che l’Organizzazione mondiale per la sanità “non avesse il diritto di classificare il coronavirus come una pandemia”.

Media Politics Fake News Press Disinformation

A continuare secondo la task force anche la campagna di disinformazione anche sulle proteste contro il razzismo in Usa con articoli che sostengono siano state organizzate da George Soros, dal Partito democratico, da poteri oscuri di un governo ombra o da organizzazioni transnazionali.

Al conteggio si aggiungono anche 250 notizie dedicate al revisionismo storico sulla Seconda Guerra mondiale, in particolare un articolo, sul magazine di politica estera The National Interest, a firma di Vladimir Putin, intitolato “le vere lezioni del 75esimo anniversario della Seconda Guerra mondiale”. I  media russi accusano i Paesi occidentali di “riscrivere la storia”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8  mln 15 anni fa)

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8 mln 15 anni fa)