Microsoft cambia la strategia retail: stop ai negozi, vendite solo on line

Microsoft rivede la sua strategia retail e annuncia che chiuderà i suoi negozi fisici, i Microsoft Store. La mossa costerà circa 450 milioni di dollari prima delle imposte – principalmente per la svalutazione degli asset – e i costi di rifletteranno nel trimestre in corso che si chiudo il 30 giugno.
“Le nostre vendite sono cresciute online con il nostro portafoglio prodotti che si è evoluto verso un’offerta digitale”, ha commentato il vicepresidente David Porter. L’azienda ha spiegato che il personale dei negozi fisici servirà i clienti dalle strutture aziendali di Microsoft e da remoto, occupandosi di vendite, formazione e supporto.

cco (Foto di Efes Kitap da Pixabay)

Tutti i Microsoft Store erano stati chiusi a fine marzo a causa della diffusione della pandemia di coronavirus e all’introduzione di provvedimenti volti a contenerla. La pandemia ha costretto molti retailer a chiudere le sedi fisiche e fare affidamento sulle attività online e in alcuni casi, come è accaduto a Microsoft, le aziende hanno optato per la chiusura definitiva dei punti vendita.
Durante l’emergenza, il colosso informatico ha infatti realizzato notevoli investimenti nei software per le conferenze e la collaborazione di gruppo, considerando questa tecnologia come un elemento fondamentale del suo futuro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza