Australia: in arrivo un codice codice di condotta per i social contro le fake news

Anche i colossi dei social media saranno presto soggetti in Australia ad un codice di condotta sulla qualità delle notizie: il governo di Canberra ha infatti incaricato l’Australian Communications and Media Authority (Acma) di sviluppare un nuovo codice volontario, al fine di ridurre l’impatto delle false notizie e della disinformazione veicolate da piattaforme come Twitter e Facebook. Il nuovo codice di condotta dovrebbe essere pronto entro dicembre e renderebbe i giganti tecnologici responsabili di disinformazione e false notizie, nella stessa maniera in cui le organizzazioni australiane di media sono soggette ad un codice di etica giornalistica e di accuratezza nel riportare le notizie.

L’iniziativa coincide con un’ondata di fake news online legate al Covid-19. Secondo un sondaggio il 48% degli australiani si affida a notizie online o su social media, come fonte principale di informazione, mentre il 64% è preoccupato di non distinguere le notizie vere da quelle false online. In partioclare, un gruppo di ricerca italiano presso la fondazione Bruno Kessler ha identificato 5,9 milioni di post su Twitter linkati a notizie sul Covid-19, di cui 1,7 milioni collegati a siti contenenti disinformazioni.

Nerida O’Loughlin

“Questo è uno dei problemi più significativi che i consumatori devono affrontare in questi tempi”, ha detto la presidente dell’Acma, Nerida O’Loughlin, intervistata nei giorni scorsi dal quotidiano The Australian. “Notizie e informazioni false e fuorvianti online hanno il potenziale di causare gravi danni a individui, a comunità e società. I giganti tecnologici dovrebbero fornire ai loro utenti maggiori informazioni sull’origine delle notizie, in modo che le persone possano dare un giudizio, se vogliono accedere o no a quella fonte”.

L’Acma avverte che le informazioni inaffidabili o ingannevoli spesso si diffondono più rapidamente di quelle genuine, poiché fanno appello a emozioni, a curiosità o a credenze radicate.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza