Australia, un consorzio filantropico salva la storica agenzia di stampa Aap

Salvataggio con sacrifici per l’agenzia di stampa Australian Associated Press (AAP), che si preparava a chiudere i battenti entro fine giugno dopo 85 anni di attività con la perdita di circa 500 posti di lavoro, di cui circa 180 giornalisti. L’agenzia è stata venduta a un consorzio di investimento filantropico guidato dall’ex amministratore delegato del gruppo NewsCorp. della scuderia Murdoch, Peter Tonagh.

(Foto Ansa – EPA/DANNY CASEY AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT)

Lo scorso marzo i principali azionisti dell’agenzia, la NewsCorp. Australia e la Nine Entertainment Company della Tv Channel Nine, avevano informato i dipendenti che l’attività non era più sostenibile a causa dell’aumento dei contenuti di notizie online gratuite, combinato con il declino del numero degli abbonati.

Il nuovo newswire, sempre chiamato AAP, sarà lanciato il primo agosto con 85 posizioni editoriali. La vendita ha assicurato che il newswire AAP “un poco conosciuto tesoro nazionale, continuerà a fornire contenuti di news a tutti gli australiani”, ha detto la nuova ceo, Emma Cowdroy. “Ciò che più importa, i finanziatori e il board sono uniti in una visione per continuare il ruolo cruciale dell’AAP come fonte di notizie nazionali, indipendenti e imparziali”. “Questa è non solo una buona notizia ma è vitale per la nostra democrazia, poiché il giornalismo di interesse pubblico è ora più importante che mai”, ha aggiunto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Carlo Tecce lascia il ‘Fatto’ per passare all”Espresso’ come inviato

Carlo Tecce lascia il ‘Fatto’ per passare all”Espresso’ come inviato

Ascolti a +37% e maggior permanenza dei più giovani davanti al piccolo schermo. L’effetto del lockdown sulle tv nazionali

Ascolti a +37% e maggior permanenza dei più giovani davanti al piccolo schermo. L’effetto del lockdown sulle tv nazionali

Tim esclude Huawei dalla gara per il 5G in Italia e Brasile

Tim esclude Huawei dalla gara per il 5G in Italia e Brasile