Anche E.ON chiude i rapporti con Facebook e Instagram

“A partire da oggi, il Gruppo E.ON interrompe tutti gli annunci, i post e le campagne sui due social network fino a nuovo avviso, prendendo una chiara posizione contro tutto quanto alimenta l’odio, la discriminazione e l’intolleranza di ogni genere”. Con queste durissime parole il gruppo energetico internazionale a capitale privato con sede a Essen, in Germanaia, ha comunicato la propria posizione molto critica nei confronti dei due canali di Mark Zukerberg, che segue quella di altri grossi inserzionisti internazionali.

Davide Villa

In una nota appena diffusa Davide Villa, Chief Marketing Officer di E.ON Italia spiega la posizione dell’azienda, nota per il suo impegno a favore di un futuro sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale. “In questo momento storico in cui si rendono necessari un’informazione corretta, trasparenza e solidarietà da parte di tutti, ci sentiamo di richiedere un’assunzione di responsabilità da parte di Facebook su tematiche di enorme rilevanza nel nostro mondo digitale e connesso” dice Villa che insiste, “Siamo fermamente convinti che solo insieme possiamo fare la differenza in ogni situazione e contesto: dall’ambiente alla società, dall’interno dell’azienda alla comunità. E vogliamo assicurare alle nostre persone, ai nostri clienti e a tutti i nostri stakeholder che possono fare affidamento su di noi per portare avanti i valori che ci contraddistinguono e che ci uniscono, impegnandoci a promuovere un cambiamento positivo tutti insieme. Per questo motivo ci impegniamo nel sostegno alla corretta informazione, alla condivisione, all’inclusione, alla valorizzazione delle diversità e a tutti i fattori che favoriscono la cooperazione verso un futuro sostenibile”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole