Dl Rilancio, Cipolletta: bene approvazione emendamento su diritto d’Autore. Ora Agcom più incisiva

“Accogliamo con grande soddisfazione l’approvazione nel Decreto Rilancio dell’emendamento in materia di tutela del Diritto d’Autore volto a contrastare, con maggiore efficacia, la pirateria digitale sui contenuti culturali e creativi.” E’ questo il commento del Presidente di Confindustria Cultura Italia, Innocenzo Cipolletta a seguito dell’approvazione degli emendanti presentati al Decreto Rilancio attualmente in esame alla Camera dei deputati.

Innocenzo Cipolletta (Foto ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI)

“Con questo emendamento l’Agcom, su istanza dei titolari dei diritti, potrà ordinare ai fornitori di servizi della società dell’informazione che utilizzano, anche indirettamente contenuti protetti, di porre fine alla violazione del diritto d’autore. Ciò, spiega Cipolletta, potrà quindi rafforzare le attività di tutela dei contenuti dando all’Autorità un ruolo sempre più incisivo, rappresentando così una risposta adeguata e concreta nel contrasto alla pirateria”.

“La pirateria è un fenomeno che colpisce al cuore una parte importante del nostro Paese, ossia il nostro patrimonio culturale e il Made in Italy, mettendo a rischio giorno dopo giorno decine di migliaia di professionisti. L’approvazione di questo emendamento contribuirà al rilancio dell’intera industria culturale duramente provata dal lockdown”, conclude Cipolletta.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza