Rai, Prix Italia: oltre 250 i prodotti presentati per il concorso internazionale

Sono oltre 250 i prodotti che le emittenti di tutto il mondo hanno presentato al Prix Italia, concorso internazionale organizzato dalla Rai per programmi di qualità radio, tv e web, che si svolgerà a Roma dal 24 al 26 settembre prossimi. Giunto alla 72esima edizione, la manifestazione registra l’adesione di 10 nuovi membri, con broadcaster provenienti da Colombia, Danimarca, Francia, Monaco, Thailandia, Uruguay, Venezuela e Gran Bretagna.

Il presidente della Rai, Marcello Foa (Foto ANSA/ANGELO CARCONI)

“Si tratta di un numero straordinario di programmi di grande varietà e di indiscutibile qualità, che riflette sia la vitalità del panorama mediatico sia la popolarità del nostro concorso”, ha commentato Annalisa Bruchi, segretario generale del Prix Italia, in merito al numero dei contenuti presentati.
“In tempi così difficili questa grande partecipazione ci onora e ci rende orgogliosi”, ha dichiarato il presidente della Rai, Marcello Foa. “Oggi più che mai abbiamo bisogno di senso della comunità, di creatività e di una visione condivisa di rilancio e speranza”.

Per il 2020, le limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria per il Covid-19 modificheranno la struttura dell’evento, in versione ridotta, senza premio speciale, e un numero inferiore di prodotti presentabili da ogni broadcaster.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole