Mondadori riorganizza l’area Libri Trade con due nuove direzioni a riporto dell’ad Selva Coddè

Mondadori ridisegna l’Area Libri Trade, creando due nuove direzioni trasversali a diretto riporto di Enrico Selva Coddè, amministratore delegato di Mondadori Libri. L’obiettivo, spiega l’editrice in una nota illustrando la riorganizzazione, è quello “di perseguire opportunità di crescita e sviluppo per le proprie case editrici”.

Nasce così la direzione Generale Operativa Trade, affidata a Filippo Guglielmone, con il compito di “orientare le attività aziendali al più alto livello di economicità e servizio possibile”. Nella struttura “operations e commerciale vengono integrate in una unica visione di processo, quale driver per la generazione di valore, consentendo di ottimizzare il time to market e aumentare la soddisfazione dei clienti, favorendo così la crescita delle case editrici”.

Viene poi costituita la direzione Marketing Strategico, Diritti e Acquisizioni Trade affidata a Lorenzo Garavaldi, per “rafforzare il presidio sul mercato editoriale, attraverso l’analisi e la definizione delle strategie di mercato, il coordinamento delle attività di acquisizione e l’identificazione delle priorità nello sviluppo”.

Enrico Selva Coddè (©Musacchio, Ianniello & Pasqualini)

A riporto di Selva Coddè, continua Mondadori, le case editrici vedranno confluire al loro interno anche le attività di marketing di prodotto, avendo così a disposizione tutte le leve di comunicazione.
Le case editrici sono affidate a Francesco Anzelmo, direttore generale di Mondadori; Ernesto Franco, direttore generale ed editoriale di Einaudi; Massimo Turchetta, direttore generale Rizzoli Trade e Publishing & Rights Development; Stefano Peccatori, direttore generale di Sperling & Kupfer, Piemme e Mondadori Electa, e Lorenzo Garavaldi, direttore generale BU Ragazzi.

“Abbiamo definito un nuovo modello organizzativo che consentirà di rispondere in maniera più efficace alle sfide centrali dell’editoria trade, settore in rapidissima trasformazione anche a livello internazionale», ha dichiarato Enrico Selva Coddè, definendo la riorganizzazione “un’evoluzione necessaria per guardare al futuro”.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez