Editoria, Riffeser: nessuna operazione sul capitale di Monrif. Su La Verità “notizia senza fondamento”

“In merito all’articolo apparso in data odierna sul quotidiano La Verità, a firma della Signora Camilla Conti, rendo noto che allo stato attuale non è prevista nessuna operazione sul capitale per il Gruppo Monrif”. Lo afferma in una nota Andrea Riffeser Monti, presidente del gruppo editoriale smentendo una ricostruzione pubblicata oggi dal quotidiano diretto da Maurizio Belpietro, che chiamava in causa Diego Della Valle.

Andrea Riffesen Monti (foto ansa)

Andrea Riffesen Monti (Foto Ansa)

“Mi rammarico che la stessa giornalista definisca ‘gossip editoriale’ quello che scrive, che considero dal punto di vista giornalistico un lavoro deontologicamente non professionale né equilibrato e verificato”, afferma ancora Riffeser. “D’altronde il Cav. Diego Della Valle, a cui sono legato da profonda amicizia, ha anch’esso smentito categoricamente la notizia che, ribadisco non trova nessun fondamento”, conclude.

Nel pomeriggio è infatti arrivata anche la smentita di Diego Della Valle. “Leggo oggi un articolo che racconta di un mio interessamento ai giornali della famiglia Riffeser. Io sono amico di Andrea Riffeser da decenni e la notizia è, per quanto mi riguarda, inesistente. Noi siamo azionisti del Gruppo, contenti di esserlo nella condizione attuale, senza altri obiettivi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza