Tensioni Usa-Cina, Pompeo: restrizioni contro alcuni dipendenti di Huawei

Nuova mossa degli Gli Stati Uniti contro le compagnie cinesi. Il segretario di stato americano Mike Pompeo ha annunciato l’intenzione di imporre sanzioni contro alcuni dipendenti di alcune società. Come Huawei.

Washington, ha spiegato, intende “imporre restrizioni nei visti per alcuni impiegati di colossi delle telecomunicazioni cinesi come Huawei che forniscono supporto materiale ai regimi coinvolti in violazioni e abusi dei diritti umani”.  “Ai sensi della Sezione 212 dell’Immigration and Nationality Act, uno straniero è inammissibile negli Stati Uniti se il segretario di Stato ha motivo di ritenere che il suo ingresso possa avere conseguenze gravi sulla politica estera degli Stati Uniti”, ha rimarcato.

Mike Pompeo (Foto Ansa – EPA/STR)

La decisione arriva dopo una serie di progressive misure restrittive adottate dagli Usa nei confronti della società di tlc cinese, esplicitamente considerata un pericolo per la sicurezza nazionale, e accompagnate anche da pressioni sui paesi alleati per portarli ad assumere posizioni simili.
E’ di ieri, tra l’altro, la notizia che Londra ha deciso di escludere Huawei dallo sviluppo della tecnologia 5g nel paese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole