TikTok: l’amministrazione Trump valuta l’inserimento dell’app in una lista nera per vietarne l’uso

La Casa Bianca sta valutando la possibilità di inserire TikTok in una “lista nera” di società impedendo di fatto agli americani l’utilizzo del social. Lo riporta il Financial Times, citando tre fonti interne all’amministrazione Trump, preoccupata che l’app possa far filtrare informazioni personali dei cittadini statunitensi al governo di Pechino.

Gli attacchi dall’amministrazione Usa all’app di mocrovideo non sono una novità. Lo scorso 7 luglio il segretario di Stato, Mike Pompeo, aveva anticipato l’ipotesi di bando per il social in America, mentre lo stesso presidente americano aveva paventato un divieto per l’app come reazione al modo in cui la Cina ha gestito la pandemia da coronavirus.

Al momento, scrive il quotidiano, l’ipotesi presa più seriamente in considerazione del governo americano è mettere ByteDance, la società cinese che controlla TikTok, nella ‘Entity List’ del Dipartimento del Commercio, un elenco di società per fare affari con le quali le aziende statunitensi devono chiedere un’autorizzazione speciale da parte di Washington. Un provvedimento già adottato lo scorso anno per il colosso delle telecomunicazioni cinese Huawei, con motivazioni analoghe.ù

(cco Photo by Kon Karampelas on Unsplash)

Questa mossa renderebbe molto complicato per le aziende americane fornire tecnologie software a ByteDance e le sue controllate. Una delle prime conseguenze potrebbe riguardare, ad esempio, gli store di Apple e Google, che potrebbero non poter fornire più gli aggiornamenti delle applicazioni.

Un alto funzionario americano, citato dal quotidiano finanziario londinese, assicura che entro un mese “sarà mandato un messaggio molto forte alla Cina”.

Ma al netto dei proclami l’amministrazione americana è ben consapevole quanto TikTok sia diventato popolare tra il pubblico statunitense. Di conseguenza al vaglio della Casa Bianca ci sarebbero anche altre ipotesi meno drastiche, in grado di consentire un uso dell’app, ma con particolari protezioni per la privacy per impedire una fuga di dati verso Pechino.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL. A settembre prima Sky Sport per interazioni, Cookist per video view, Fanpage per paid post

TOP MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL. A settembre prima Sky Sport per interazioni, Cookist per video view, Fanpage per paid post

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino