Brescia e Bergamo capitali italiane della cultura 2023. Il ministro Bonetti: unite dalla sofferenza

Brescia e Bergamo saranno capitali italiane della cultura per il 2023. Il Senato ha approvato il Decreto rilancio, contenente l’emendamento proposto dal deputato 5 Stelle Devis Dori che prevedeva che i due capoluoghi ottenessero il riconoscimento senza partecipare ad alcun bando.

Emilio Del Bono e Giorgio Gori (Foto Bresciaoggi)

«Bergamo e Brescia – scrive su facebook il ministro per le Pari Opportunità Elena Bonetti – unite dalla sofferenza durante la pandemia saranno insieme capitali della cultura italiana nel 2023. Una bellissima notizia, che premia l’alleanza tra due città ricche di storia e bellezza, a testimonianza del valore della cooperazione e della solidarietà, elementi chiave da cui partire per costruire l’Italia del futuro».

«Adesso è ufficiale! Siamo molto felici perchè questo permetterà alla nostra città di riprendere il cammino interrotto drammaticamente dal Covid e permetterà di far conoscere la nostra comunità a tanti italiani e stranieri che ancora non la conoscono. Brescia deve tornare a crescere e svilupparsi e collocarsi in Europa come una città di riferimento, tra le più dinamiche e importanti» ha detto il sindaco Emilio Del Bono in un messaggio affidato alla sua pagina Fb a commento della conferma arrivata dal Parlamento.

“Siamo felici e onorati per questa prima decisione” ha commentato il sindaco di Bergamo Giorgio Gori. “La scelta di anticipare il riconoscimento di Bergamo e Brescia a Capitali italiane della Cultura 2023 ci ha colti di sorpresa ma ci riempie di orgoglio. Vi leggiamo infatti – ha aggiunto Gori – la condivisione della sfida che Bergamo e Brescia hanno inteso lanciare insieme attraverso la candidatura congiunta: unire le forze per rilanciare attraverso la cultura un territorio colpito come nessun altro dall’epidemia Covid-19, fare della cultura la bandiera della rinascita delle nostre città”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TikTok, 104 milioni di video bloccati in sei mesi: nudità e sicurezza dei minori le principali ragioni

TikTok, 104 milioni di video bloccati in sei mesi: nudità e sicurezza dei minori le principali ragioni

Premiolino, vincono la 66esima edizione Chiappaventi, Filippi, Condò, Masneri, Ravizza, Scavo, Media e Bottura

Premiolino, vincono la 66esima edizione Chiappaventi, Filippi, Condò, Masneri, Ravizza, Scavo, Media e Bottura

<strong>22 settembre</strong> Tataranni in replica vince. Bene Brignano. Pari Berlinguer e Floris

22 settembre Tataranni in replica vince. Bene Brignano. Pari Berlinguer e Floris