Nel Dl semplificazioni inserita la riforma della gestione e monitoraggio degli investimenti pubblici

“Nel Dl Semplificazioni, recentemente pubblicato in Gazzetta Ufficiale, è stata inserita, tra l’altro, la riforma della gestione e monitoraggio degli investimenti pubblici (art.41) che ho proposto con il sostegno del Dipartimento della Programmazione economica, della Coesione e dell’Economia. Abbiamo lavorato per superare l’attuale segmentazione delle banche dati e ridurre gli oneri informativi a carico delle amministrazioni pubbliche. Realizziamo una grande riforma che consentirà non solo di migliorare la programmazione economica ma soprattutto di gestire concretamente e in maniera concomitante gli interventi che concorrono a formare i diversi programmi di spesa. Obiettivo finale è rendere più efficiente l’utilizzo delle risorse pubbliche e accelerare la realizzazione degli investimenti”. Così  all’Agi, Mario Turco (M5S), sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla programmazione economica e agli investimenti.

Mario Turco (M5S), sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla programmazione economica e agli investimenti.

“E’ stato stabilito che gli atti amministrativi anche di natura regolamentare adottati dalle Amministrazioni, che dispongono il finanziamento pubblico o autorizzano l’esecuzione di progetti di investimento pubblico, sono nulli in assenza dei corrispondenti codici unici di progetto (CUP), che costituiscono elemento essenziale dell’atto stesso”, spiega Turco, che aggiunge: “Inoltre abbiamo introdotto un dispositivo per rendere obbligatoria l’informativa ai cittadini sullo stato di realizzazione delle stesse opere pubbliche. I soggetti titolari di progetti d’investimento, infatti, come ad esempio gli enti locali, dovranno dare notizia, con periodicità annuale, in apposita sezione dei propri siti web istituzionali, dell’elenco dei progetti indicandone il CUP, dell’importo totale del finanziamento, delle fonti finanziarie, della data di avvio del progetto e dello stato di attuazione finanziario e procedurale. Entro il 30 giugno di ogni anno, poi, l’Autorità politica delegata agli investimenti pubblici, con il supporto del Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica, presenta al Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) un’informativa sullo stato di attuazione della programmazione. Alla semplificazione delle procedure, abbiamo così associato uno strumento informativo che consentirà di gestire in maniera consapevole gli investimenti pubblici, rimuovendo eventuali criticità, e rendendo trasparente l’operato delle amministrazioni, centrali e territoriali, responsabili degli investimenti assegnati”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole