20 luglio Riondino doppia Pieraccioni. Juve-Lazio batte Made in Sud

L’Europa, ma anche il campionato di calcio sotto i riflettori lunedì 20 luglio in tv. Il calcio della Serie A proponeva l’ultimo incontro del turno, quello che fino a poche settimane fa sembrava dovesse essere il match clou della stagione. Juve-Lazio su Sky però, vinto per due a uno dai bianconeri, ha perso strada facendo in questa fase convulsa e particolare del post lockdown un po’ del proprio appeal e si è presentato meno decisivo in una serata ricca di opzioni da magazzino.

C’era come sempre Michele Riondino, arrivato alla seconda stagione, nei panni de ‘Il giovane Montalbano’, sempre impegnato nei preparativi del matrimonio con Livia nell’episodio ‘Morte in mare aperto’. La risposta di Canale 5 è stato ‘Finalmente la felicità’, con la proposta di Viale Mazzini che quindi contemplava ‘Made in Sud’ su Rai2 e il film ‘Desconocido’ sulla terza rete. Non si è contrapposta a Rete4 (‘Quarta Repubblica’, accesa sulle decisioni europee) stavolta La7 (‘Licia Colò in replica con Eden’), mentre Italia 1 ha proposto una pellicola fantasy datata. Ecco come i meter hanno messo in fila le varie trasmissioni in ordine di ascolti.

Su Rai1 la replica de ‘Il Giovane Montalbano – Morte in mare aperto’, con Michele Riondino, Andrea Tidona, Alessio Vassallo e Sarah Felberbaum protagonisti, ha conseguito 3,8 milioni di spettatori ed il 19,1% (aveva avuto 4,233 milioni di spettatori e 21,2% sette giorni prima).

Su Canale 5 ‘Finalmente la felicità’, con Leoanardo Pieraccioni mattatore, ha conquistato 2 milioni e 9,9% di share.

Su Sky Juventus-Lazio ha totalizzato 1,548 milioni di spettatori e l’8,1%.

Su Rai2 l’ultima puntata di ‘Made in Sud’ con alla conduzione Stefano De Martino e Fatima Trotta, Biagio Izzo nel cast e tanti comici impegnati, è arrivato a 1,4 milioni di spettatori e 7,1%.

Su Italia 1 la pellicola ‘La Mummia-La tomba dell’imperatore dragone’, ha avuto 1,2 mln spettatori e 6,1%.

Su Rete 4 ‘Quarta Repubblica’, con Nicola Porro alla conduzione, e tra gli ospiti Giuseppe Provenzano, Alessandro Sallusti, Piero Sansonetti, Daniele Capezzone, Emiliana Alessandrucci, Pietro Senaldi, Paolo Zanchetta, Claudio Cerasa, Antonio Tajani, Nello Musumeci, Carlo Calenda, Gaetano Pedullà, Gianfranco Vissani, Gennaro Migliore, Maria Giovanna Maglie, Claudia Fusani, Francesco Storace, Vittorio Sgarbi, Raffaele Fitto, Dolce& Gabbana, ha ottenuto 796mila e 5,1% (sette giorni prima aveva avuto 1,025 milioni di spettatori e il 6,4%).

Su Rai Tre la pellicola ‘Desconocido la resa dei conti’, con Lusi Tosar e Javier Gutierrez, ha ottenuto 809mila e 3,85%.

Su La7 il docu magazine ‘Eden-Un pianeta da salvare ’, con Licia Colò alla conduzione, ha totalizzato 385mila spettatori e 2,24%. In access ecco gli equilibri tra i talk.

Su Rai2 per ‘Tg2 Post’ con Luca Salerno alla conduzione e tra gli ospiti Paola De Micheli e Gennaro Sangiuliano, 1,264mln e 6,2% di share.

Su La7 ‘In Onda’ è arrivato a 1,138 milioni e 5,5% con Nicola Zingaretti ospite di David Parenzo e Luca Telese.

Su Rete4 ‘Stasera Italia’ con Maurizio Belpietro, Ferruccio De Bortoli, Lando Sileoni, Giorgio Gori, Federico D’Incà ospiti di Veronica Gentili, a 944mila e 4,9% e 1,090 mln e 5,3%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole