TikTok, nel mirino dell’amministrazione Trump, pronta a creare 10 mila posti negli Usa

TikTok è pronta a creare 10 mila posti di lavoro in tre anni negli Stati Uniti. Lo hanno annunciato i responsabili del social media controllato dalla cinese ByteDance che l’amministrazione Trump ha minacciato di inserire nella ‘lista nera’ delle società indesiderate come Huawei.

Attualmente l’app, molto popolare tra i giovanissimi, conta negli Usa circa 1.400 dipendenti. L’organico è stato triplicato nel corso dell’ultimo anno e i nuovi posto di lavoro sarebbero concentrati soprattutto in California, in Texas e a New York.

Kevin Mayer, ad di TikTok

Nelle ultime settimane la situazione dell’app si è fatta sempre più difficile. In diversi stati infatti viene considerata una rischio per la privacy dei cittadini, con il timore che possa condividere i dati degli utenti con il governo di Pechino. TikTok ha più volte negato l’esistenza di questa possibilità e, secondo alcune indiscrezioni riportate nei giorni scorsi da Ft, tra le soluzioni ipotizzate per migliorare la sua posizione agli occhi dell’opinione pubblica internazionale ci sarebbe anche quella di spostare la propria sede, creando un quartier generale a Londra.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez