Giornalisti, l’appello di Verna: basta ritardi su equo compenso; serve statuto per lavoratori autonomi

“Dalla sconvolgente esperienza che stiamo facendo nel giornalismo, dove lo sfruttamento dei free lance ha raggiunto picchi inaccettabili per un paese con legislazione democratica, emerge con nettezza a 50 anni dalla legge 300 l’esigenza indifferibile di uno statuto dei lavoratori autonomi che in alcune professioni sono di gran lunga più deboli dei loro presunti clienti. In realtà imprenditori, nel nostro caso editori, che mascherano la subordinazione di fatto con incarichi continuativi e sottopagati, nonché caratterizzati in virtù della precarietà del rapporto da assoluta mancanza di libertà professionale che consenta di garantire autonomia e deontologia. Non si tratta solo di una mera questione sindacale.”

Carlo Verna (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

E’ la sottolineatura espressa dal presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti Carlo Verna, durante l’ultima riunione della consiliatura nel corso della quale sono stati ospitati i rappresentanti dei precari de Il Messaggero, dopo lo sciopero di tre giorni che è stato auspicato possa costituire uno scatto verso un percorso etico che investa le coscienze di tutti. Un forte appello in tal senso è stato rivolto al Governo. “Basta ritardi sulla questione dell’equo compenso.” Ha concluso Verna.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza