Il Giro d’Italia 2020, dal 3 al 25 ottobre 2020, riparte dalla Sicilia

Una cronometro individuale, un arrivo in salita sull’Etna e due tappe miste caratterizzeranno la Grande Partenza dell`edizione 103 del Giro d`Italia, organizzato da RCS Sport / La Gazzetta dello Sport e in programma dal 3 al 25 ottobre 2020. Sarà la nona Grande Partenza della Corsa Rosa dalla Regione Siciliana (1930, 1949, 1954, 1976, 1986, 1989, 1999 e 2008). Si parte sabato 3 ottobre con la prima tappa, la cronometro individuale Monreale-Palermo di circa 16 km. Domenica 4 ottobre da Alcamo ad Agrigento, 150 km, con finale da finisseur. La terza frazione, Enna-Etna (Piano Provenzana 1.775) di 150 km, sarà il primo arrivo in quota del Giro d`Italia, lunedì 5 ottobre. Una salita inedita, già scalata in parte nel 2011, attaccata da nord (Linguaglossa) per giungere a Piano Provenzana. Martedì 6 ottobre ultima tappa sull`isola, con la quarta frazione da Catania a Villafranca Tirrena di 138 km, adatta ai velocisti.

“Quest`anno il Giro d`Italia partirà dalla Sicilia – afferma Nello Musumeci, Presidente della Regione Siciliana – Abbiamo raggiunto questo accordo con RCS Sport e dal 3 al 6 ottobre la carovana Rosa farà quattro tappe nell’isola prima di raggiungere il continente. Un grande evento, non solo sportivo – uno sport antico e che conta in Sicilia tantissimi appassionati – ma un grande evento di promozione turistica, con il Giro d`Italia che metterà in evidenza le parti più belle e gli aspetti paesaggistici più interessanti del nostro territorio.
Un`occasione buona per fare sport e fare turismo e per far conoscere in Italia e nel mondo la parte migliore della nostra terra”

“Con Regione Siciliana dal 2019 stiamo sviluppando un importante progetto di promozione del territorio attraverso il ciclismo – afferma in una nota Rcs sport – Percorso di comunicazione cominciato con il rilancio di una corsa internazionale come il Giro di Sicilia. Adesso la Grande Partenza da Monreale e altre 3 tappe che mostreranno al mondo la bellezza della Sicilia. Sarà dunque un patrimonio dell’UNESCO a dare il via ad un’edizione unica, attesa e tutta italiana del Giro d’Italia. Un modo spettacolare e di fascino per aprire l’edizione 103 della nostra Corsa Rosa”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Coppa Italia, la finale del 2020-21 si giocherà a Milano.  Torna a San Siro dopo 14 anni

Coppa Italia, la finale del 2020-21 si giocherà a Milano. Torna a San Siro dopo 14 anni

La proprietà della Roma passa a Dan Friedkin per 600 milioni di euro

La proprietà della Roma passa a Dan Friedkin per 600 milioni di euro

Solo ‘J’ per Juventus, sparisce lo stemma bianconero con il simbolo di Torino

Solo ‘J’ per Juventus, sparisce lo stemma bianconero con il simbolo di Torino