Facebook vicino a stringere accordi con le case discografiche per i diritti dei video musicali

Facebook ha stretto accordi con Sony Music, Universal Music e Warner Music per ottenere il diritto di portare sul social network i video musicali, un ambito in cui domina YouTube. Secondo Bloomberg l’intesa dovrebbe essere annunciata a breve.

Facebook avrebbe trattato con alcuni artisti ed etichette discografiche per acquisire i diritti esclusivi, anche se temporaneamente, di alcuni video musicali. In alcuni casi, Facebook si sarebbe detta disponibile a pagare i costi di produzione dei video e a promuoverli sul social.

Mark Zuckerberg (Foto Ansa-EPA/ETIENNE LAURENT)

I video musicali sono uno dei generi più popolari su YouTube e Facebook ha da lungo cercato i diritti legali per permettere ai suoi miliardi di utenti di guardarli e condividerli all’interno della piattaforma. Il social in precedenza aveva già siglato accordi per utilizzare le canzoni, inserite nelle clip come musica di sottofondo, ma non erano autorizzato a mostrare i video ufficiali.
In vista di questo nuovo accordo Facebook ha affermato che sarebbe disposto anche a pagare i costi di produzione del video, promuovendolo per aumentarne il pubblico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole