Amazon investe in Deliveroo. Via libera dell’Authority Gb a investimento di Amazon inglese

– Via libera all’investimento di Amazon in Deliveroo. Dopo 15 mesi di indagine, la Competition and markets authority (Cma) del Regno Unito ha emanato la decisione finale, confermando che l’investimento di minoranza del colosso di Seattle in Deliveroo può andare avanti.

La Cma ha concluso che l’investimento di minoranza “non ha determinato, e non si prevede che determini, una sostanziale riduzione della concorrenza”. E sono state respinte le argomentazioni dei competitor in opposizione all’investimento.

Deliveroo collabora adesso con 100mila ristoranti in piattaforma a livello globale. Trentamila ristoranti hanno aderito soltanto quest’anno, con la crisi del coronavirus che ha spinto i ristoratori a rivolgersi al delivery. E 75mila ristoranti che collaborano con Deliveroo a livello globale sono piccoli ristoranti indipendenti, quelli colpiti più duramente durante la pandemia.

Matteo Sarzana

“Siamo lieti – sottolinea il general manager di Deliveroo Italia, Matteo Sarzana – che la Cma abbia concluso questa indagine di 15 mesi e che l’investimento di minoranza di Amazon possa adesso andare avanti. Questa è una notizia fantastica per i consumatori e per i ristoranti. Deliveroo userà questo investimento per aumentare la scelta e la qualità per i consumatori, supportare i ristoranti e per essere in grado di offrire a più rider il lavoro flessibile che apprezzano, man mano che l’azienda cresce”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez