Mediaset: le proposte Vivendi sono insufficienti, ma siamo pronti ad aprire un tavolo di confronto

“Se Vivendi è davvero intenzionata a trattare su basi concrete e orientate agli interessi di tutti gli azionisti, compresi quelli di maggioranza, Mediaset è pronta ad aprire un tavolo di confronto in cui verificare il nuovo, positivo, approccio”.

Pier Silvio Berlusconi (foto Ansa)

Lo comunica Mediaset dopo che il consiglio di amministrazione di Mediaset ha esaminato la lettera inviata da Vivendi, in cui il gruppo francese annuncia, “riconoscendo la valenza industriale del progetto Mfe-Mediaforeurope, la volontà di sostenere i progetti di sviluppo internazionali di Mediaset, ma lo comunica fuori tempo massimo (il progetto è pubblico dal giugno 2019) e senza le necessarie proposte concrete”.

Mediaset, si precisa dal gruppo di Cologno Monzese, “è sempre aperta a opzioni che aumentino il valore per tutti gli azionisti, auspica soluzioni di sviluppo cruciali per il futuro del gruppo e non può soprassedere sui danni irreparabili che le sono stati inferti, ma rileva che “al momento la lettera non soddisfa nessuno dei tre punti menzionati”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gubitosi (Tim): sbagliato ritardare chiusura digital divide; limitata propensione a nuovi strumenti tecnologici potrebbe causare esclusione sociale

Gubitosi (Tim): sbagliato ritardare chiusura digital divide; limitata propensione a nuovi strumenti tecnologici potrebbe causare esclusione sociale

Nella TOP 100 mondiale aziende lusso il 22% è italiano. Deloitte: business luxury cresciuto di 15 mld dollari, vendite +12,8% – DOCUMENTO

Nella TOP 100 mondiale aziende lusso il 22% è italiano. Deloitte: business luxury cresciuto di 15 mld dollari, vendite +12,8% – DOCUMENTO

Calcio e Covid. Inter propone tetto ai salari dei calciatori per far sopravvivere il sistema. Stipendi incidono per l’80% del fatturato dei club

Calcio e Covid. Inter propone tetto ai salari dei calciatori per far sopravvivere il sistema. Stipendi incidono per l’80% del fatturato dei club