TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE by Audiweb. In giugno La Repubblica torna al prima posto. Cresce l’interesse per lo sport e lo svago

Con la fine della fase di confinamento in casa, il 4 giugno, la ripresa di gran parte delle attività economiche e la conclusione dell’anno scolastico, diminuiscono gli accessi a Internet, in particolare da computer, e l’attenzione degli utenti si sposta dalle ‘hard news’, le notizie di cronaca e attualità, ai contenuti più leggeri. I dati di Audiweb Database, relativi al giorno medio, indicano che in giugno quasi tutte le testate giornalistiche, raggruppate nella categoria ‘current event & global news’ registrano flessioni più o meno sensibili rispetto al mese precedente, mentre aumenta l’interesse per l’intrattenimento, lo sport, i viaggi e lo svago.

Sui cento brand della nostra classifica solo 18 sono in crescita rispetto al mese precedente; 81 vedono calare la propria audience. Uno in maggio non era rilevato: IlSussidiario.net, “il quotidiano online approfondito”, come si definisce, diretto da Luca Raimondi ed edito dalla Fondazione per la Sussidiarietà, che entra in classifica al 46esimo posto con 148mila utenti unici.

Tra le testate che realizzano i risultati migliori spiccano i magazine femminili Vogue (+62%), CheDonna.it (+49%) e Cosmopolitan (+26%), i siti sul mondo dei motori (Tuttomotoriweb.com +73%), i viaggi (Zingarate.com +34) e soprattutto lo sport, dopo la ripresa delle competizioni. Quasi tutti i brand sportivi rilevati da Audiweb vedono aumentare la propria audience: Calciomercato.com del 19%, La Gazzetta dello Sport del 14%, i siti di Dazn (vale a dire essenzialmente Goal.com) del 13%, IlBiancoNero del 12%, CalcioeFinanza del 10%, Calcioemercato.it del 7%; Formulapassion.it, dedicato agli sport motoristici, è stazionario.

L’audience dei principali giornali online si riduce notevolmente in giugno: Repubblica del 19%, il Corriere della Sera del 20%, il Messaggero del 23%, Il Sole 24 Ore del 29%, la Stampa del 34%. Più contenute le perdite di TgCom24 e del Fatto Quotidiano (-1%). Alcune testate riescono a migliorare rispetto a maggio, come Leggo (+12%) e il Giornale di Vicenza (+24%).

Molto diversa la situazione rispetto a un anno fa. Repubblica ha il 13% di utenti unici in più del giugno 2019, TgCom24 il 17%, il Sole 24 Ore il 27%, il Corriere della Sera il 28%. Notevole la crescita di RaiNews (+48%), anche se il sito della Rai resta comunque lontano dalle prime posizioni. I giornali sportivi, al contrario, sono in notevole calo rispetto allo scorso anno: Calciomercato.com perde il 30%, La Gazzetta dello Sport il 55%.

In testa alla classifica torna La Repubblica, con 3 milioni 389mila utenti unici complessivi nel giorno medio, dopo essere stato superato in aprile e maggio dal Corriere della Sera, sceso ora al secondo posto (3 milioni 364mila). TgCom24 (2 milioni 459mila) e Il Messaggero (1 milione 927mila) si confermano al terzo e quarto posto. La Gazzetta dello Sport è quinto con 1 milione 680mila utenti unici (in maggio era dodicesimi), seguita da Fanpage e Upday. Ottavo è Il Fatto Quotidiano che guadagna due posizioni. Ne perde quattro invece Giallo Zafferano, dopo che la fine del lockdown ha fatto scendere un po’ l’interesse per le ricette di cucina. Al decimo posto Virgilio, il portale di Italiaonline, che nell’ultimo anno ha perso alcuni dei suoi canali più popolari, come DiLei e QuiFinanza, diventati siti autonomi, ma è riuscito comunque a restare nella top ten.

cazzola@primaonline.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast