Giacomo Lasorella candidato alla presidenza dell’Agcom

Giacomo Lasorella, vice segretario della Camera è stato indicato ieri come presidente dell’Agcom dal Consiglio dei ministri che ha dato il via alla procedura su proposta del presidente del Consiglio Giuseppe Conte d’accordo con il ministro dello sviluppo economico Patuanelli.

Giacomo Lasorella

Il nome di Giacomo Lasorella per l’Agcom girava da tempo, ma visto le turbolenze politiche che si sono manifestate sulle nomine dei commissari ogni previsione era incerta. Lasorella dovrebbe entrare nel ruolo a settembre dopo altri vari passaggi istituzionali che prevede la nomina. La figura del presidente dell’Agcom è sempre stata importante ma lo è ancora di più per il prossimo settennato che vede in pista dei commissari squilibrati in termini di competenze e di appartenenze politiche di fronte a un carico di responsabilità importantissime per l’economia e le scelte strategiche del Paese. Basta pensare alle tlc con le scelte per la banda larga, al futuro della televisione con Rai, Mediaset e Sky in campo, e al rapporto con gli over the top.
Lasorella politicamente sostenuto velatamente dal Pd, è un uomo con un forte rapporto con le istituzioni , come racconta bene il suo profilo che trovate qui di seguito, ma senza essere un tipo ‘ingessato’ come testimonia chi lo conosce. Conosce bene il mondo dell’informazione, anche perché ha una giornalista in casa, la famosa Carmen Lasorella, ed sempre stato interessato ai sistemi della comunicazione pane quotidiano per l’Autorita’.

Ecco  il curriculum di Lasorella, nato a Potenza nel 1964.

 Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 14/05/1987, con votazione di 110/110 e lode.
 Laurea in Scienze politiche conseguita presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 16/07/1993, con votazione di 110/110 e lode.
 Durante gli anni dell’università è stato borsista, accedendovi per concorso,
della Residenza universitaria (ora Collegio universitario) “Lamaro Pozzani” dei
Cavalieri del Lavoro, ove ha frequentato corsi di economia e di lingue.
 Abilitazione all’esercizio della professione forense, conseguita nel dicembre 1990.
PERCORSO PROFESSIONALE ALLA CAMERA DEI DEPUTATI
 In servizio dal 01/12/1988, a seguito del superamento di concorso pubblico per Consigliere parlamentare della professionalità generale;
 dal 02/12/1988 al 01/03/1989 è stato assegnato al Servizio Resoconti;
 dal 02/03/1989 al 08/05/1991 è stato assegnato al Servizio Commissioni; nell’ambito di tale Servizio è stato assegnato dapprima alla segreteria della IX Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni, indi a quella della
II Commissione Giustizia;
 dal 09/05/1991 al 16/01/1992 è stato assegnato all’Ufficio della Sicurezza
e della gestione degli impianti; nello stesso periodo ha collaborato con il
Servizio del Personale;
 dal 17/01/1992 al 23/07/1992 è stato assegnato all’Ufficio Informazione
e assistenza amministrativa ai deputati;
 dal 24/07/1992 al 30/06/2000 è stato assegnato al Servizio Prerogative e
Immunità, ove ha ricoperto l’incarico di Segretario della Giunta per le autorizzazioni a procedere; durante tale periodo ha collaborato dapprima con la Segreteria degli organi per la tutela giurisdizionale e, successivamente, fino al 16/01/2000, con l’Ufficio Affari generali e legali, risultando iscritto, in virtù di tale collaborazione, all’ordine degli avvocati di Roma, nell’elenco speciale della Camera dei deputati. Dal 01/12/1998 ha ricoperto l’incarico di Capo Ufficio per le autorizzazioni a procedere e le inchieste parlamentari;
 dal 01/07/2000 è stato preposto all’incarico di Capo Ufficio della Segreteria generale, assumendo dalla stessa data al 09/01/2002 la direzione dell’Ufficio Commissioni d’inchiesta, di vigilanza e controllo; in tale veste ha anche retto direttamente la segreteria della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle responsabilità relative alla tragedia del Cermis. Durante tale periodo è stato nominato componente del Gruppo di lavoro per la predisposizione del bando relativo al concorso per Consiglieri parlamentari della professionalità generale, nonché componente aggregato della Commissione di concorso per stenografi parlamentari presso l’Assemblea Regionale Siciliana;

 dal 10/01/2002 al 28/02/2003 ha ricoperto l’incarico di Capo Ufficio della Segreteria generale, assumendo la direzione dell’Ufficio del Regolamento. In tale veste ha anche curato la segreteria del Comitato per la legislazione;
 nel settembre 2002, per la durata di tre settimane ha partecipato, su invito del Dipartimento di Stato del Governo degli Stati Uniti d’America, e con l’autorizzazione dell’Amministrazione, al programma International Visitor Program consistente in una serie di visite e di colloqui con autorità accademiche, amministrative e politiche, dedicati al rapporto tra governo nazionale e governo locale ed al ruolo delle assemblee legislative;
 in data 01/03/2003 è stato nominato Capo Servizio, assumendo la direzione del Servizio Assemblea fino al 05/07/2015;
 è stato nominato membro della Commissione archivistica per la durata della XIV legislatura e membro della Commissione di disciplina dalla XV alla XVI legislatura. E’ stato altresì componente del Gruppo di lavoro incaricato di approfondire le ricadute sulle procedure interne derivanti dall’approvazione della legge n. 459/2001, in materia di esercizio del diritto di voto dei cittadini italiani residenti all’estero;
 ha partecipato, su indicazione dell’Amministrazione, in qualità di relatore, a corsi di formazione di funzionari di parlamenti stranieri, nel giugno 2004 a Yerevan (Armenia), nel quadro di un programma di cooperazione promosso dall’OSCE e, nell’aprile 2008 a Podgorica (Montenegro), nel quadro del progetto di cooperazione “Balcani occidentali”, realizzato con finanziamento del Ministero degli Affari Esteri e promosso dall’IPALMO in collaborazione con l’Università di Roma e con il concorso della Camera dei deputati (in entrambi i casi in lingua inglese);
 nel maggio 2010 è stato invitato, su designazione dell’Amministrazione, in qualità di relatore al seminario di diritto comparato organizzato dal Cerdp (Centre de recherche en droit parlementaire) ad Oslo con la partecipazione di dirigenti e funzionari delle amministrazioni parlamentari di numerosi parlamenti europei sui diritti delle opposizioni (in lingua inglese);
 in data 06/07/2015 è stato nominato Vicesegretario generale, con funzioni vicarie del Segretario generale. E’ delegato al coordinamento delle attività di assistenza tecnico-procedurale e di resocontazione relative ai lavori dell’Assemblea e del Parlamento in seduta comune, nonché delle attività connesse con la redazione dei messaggi legislativi e dei testi normativi; è delegato altresì al coordinamento delle attività inerenti alle prerogative dei deputati;
 dal 20/01/2016 all’11/01/2018 gli sono state conferite le funzioni, ad interim, di Capo del Servizio per il Controllo amministrativo;
 nell’ottobre 2016 ha partecipato in qualità di esperto, su designazione della Camera dei deputati, al progetto di gemellaggio istituzionale – finanziato dalla Commissione europea – fra la Camera dei deputati, l’Assemblea nazionale francese e l’Assemblea dei rappresentati del popolo della Repubblica tunisina, denominato «Renforcement des capacités de l’Assemblée des Représentants du Peuple», elaborando insieme al collega francese Frédéric Taillet un Rapport d’expertise sugli strumenti necessari per la programmazione dei lavori dell’Assemblea e delle Commissioni in quel paese (in lingua francese);
2

 in data 09/01/2018 gli sono state conferite le funzioni, ad interim, di Capo del Servizio Prerogative e Immunità;
 nel maggio 2018 è stato invitato, su designazione dell’Amministrazione, in qualità di relatore al seminario di diritto comparato organizzato dal Cerdp (Centre de recherche en droit parlementaire) a Berlino sulla materia della verifica dei poteri (in lingua inglese).
DIDATTICA E SCIENTIFICA
ATTIVITÀ DI NATURA
 Professore a contratto di Diritto parlamentare per l’a.a. 2019-2020 (ex art. 23, comma 1, della legge 30 dicembre 2010, n. 240 – contratto con esperti di alta qualificazione in possesso di un significativo curriculum scientifico o professionale) presso l’Università degli Studi di Roma – Tor Vergata (IUS/08 6CFU 36 ore) nell’ambito del Corso di laurea triennale in Scienze dell’amministrazione e delle relazioni internazionali (Dipartimento di Giurisprudenza).
 Negli anni 2018 e 2019 ha tenuto, insieme al dott. Malaschini, un corso su “Tecniche di gestione delle assemblee legislative” nell’ambito del Master MAPPP organizzato dalla LUISS di Roma.
 Nell’anno 2018 ha tenuto una serie di lezioni nell’ambito del corso “Regole e dinamiche dei rapporti con il Parlamento” organizzato dalla Scuola nazionale dell’Amministrazione.
 E’ intervenuto in qualità di relatore a diverse edizioni dei Seminari di diritto parlamentare della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.
 Dopo aver collaborato, negli anni ’90, alle attività della cattedra di Istituzioni di diritto pubblico della facoltà di Scienze politiche dell’Università di Roma, ha tenuto regolarmente, nel corso degli anni, singole lezioni presso diverse Università nei vari corsi di perfezionamento e Master di secondo livello in diritto parlamentare, in materia di immunità parlamentari, commissioni d’inchiesta, commissione affari regionali, regolamento della Camera, programmazione dei lavori parlamentari, procedimento legislativo e sindacato ispettivo (in particolare, presso il Seminario di Studi e Ricerche Parlamentari “Silvano Tosi” (Università di Firenze), presso il Master in Istituzioni parlamentari europee per consulenti d ́Assemblea (Masterparlamenti) della Facoltà di Scienze politiche dell’Università La Sapienza di Roma, presso il Master Parlamento e Politiche Pubbliche (MAPPP) organizzato dalla LUISS di Roma, presso il corso di “Diritto e organizzazione della funzione parlamentare” organizzato dall’Associazione per le ricerche e gli studi sulla rappresentanza politica nelle assemblee elettive (ARSAE) presso l’Università Federico II di Napoli, presso il Master universitario di secondo livello “Processi decisionali e lobbying in Italia e in Europa” organizzato dall’Università di Roma “Tor Vergata” in collaborazione con il BAICR e presso il Master in diritto parlamentare dell’Università LUMSA di Roma.
 È presidente dell’Associazione di amicizia tra i funzionari della Camera e i funzionari del Bundestag.
Elenco delle pubblicazioni
1) Riflessioni in tema di capacità informativa dell’immagine fotografica, in
aa
Giurisprudenza italiana, Dispensa 5 , parte I, sez. 1 , Torino, 1988
3

2) con C. TUCCIARELLI, Atti di pianificazione e programmazione, in Norme secondarie e direzione dell’amministrazione, a cura di DE SIERVO, U., Bologna, 1992, 109 ss.
3) L’autorizzazione a procedere in giudizio: nuove tendenze e progetti di riforma, in Quaderni costituzionali, 1993, 367
4) Procedimento e deliberazioni parlamentari in materia di immunità dopo la riforma dell’articolo 68 della Costituzione, in Bollettino di informazioni costituzionali e parlamentari, Roma, 1994, 51 ss.
5) Sui confini delle attività insindacabili ai sensi dell’art. 122, quarto comma, della Costituzione: una decisione che desta perplessità, in Le Regioni, 1995, 964, nota a C. cost. n. 432/94
6) Insindacabilità dei consiglieri regionali e “opinioni espresse nell’esercizio delle funzioni”, in Le Regioni, 1995, 1292, nota a C. cost. n. 274/95
7) Parlamento: La verifica dei poteri alla prova del nuovo sistema elettorale: nuove vicende e antiche perplessità, in Quaderni costituzionali, 1996, 281
8) L’insindacabilità dei parlamentari nella recente evoluzione della prassi delle Camere e della giurisprudenza costituzionale, di Cassazione e di merito, n. 9, in Il Parlamento della Repubblica, Camera dei deputati, Roma, 1998
9) Le “opinioni espresse nell’esercizio delle funzioni” parlamentari ex art. 68, primo comma della Costituzione tra Camere, giudici e Corte costituzionale in Giur. Cost. , 1999, 483 ss.
10) con F. POSTERARO, Prerogative Parlamentari, in Enciclopedia giuridica, vol. VIII, aggiornamento 2000
11) La programmazione dei lavori parlamentari alla Camera: la riforma del 1997 e la prassi attuativa, in E. ROSSI (a cura di), Maggioranza ed opposizione nelle procedure parlamentari, Padova, Cedam, 2004, 44
12) I governi Berlusconi e Dini. Cronaca costituzionale, programmi di governo e attività normativa in AA.VV., Governi ed economia, la transizione discontinua tra politiche di risanamento e integrazione europea nella XII legislatura, Padova, Cedam, 2006, 67-88
13) I presidenti delle Camere nel sistema dei rapporti tra Parlamento e Governo: l’esperienza della Camera, in Studi Pisani sul Parlamento II (a cura di Emanuele Rossi), Pisa, ed. Plus., 2008, 46 ss.
14) La programmazione dei lavori alla Camera ed i suoi protagonisti: governo, gruppi e presidente. Luci ed ombre, in Il Filangieri, Quaderno 2007, Il Parlamento del bipolarismo Un decennio di riforme dei regolamenti delle Camere, Napoli, Jovene, 2008, 57
15) Assemblee elettive ed esecutivi: la questione dei tempi della decisione. I tempi della Camera in Studi Pisani sul Parlamento (a cura di Emanuele Rossi), Pisa, ed. Plus., 2012, 69 ss.
16) L’uso dei tempi e delle procedure alla Camera durante il primo passaggio in Assemblea della revisione costituzionale, in N. LUPO e G. PICCIRILLI, Legge elettorale e riforma costituzionale: procedure parlamentari “sotto stress”, Bologna, Il Mulino, 2016, 249 ss.
17) Aggiornamenti e sviluppi in tema di programmazione dei lavori, tra decreti-legge e maggioranze variabili, ne Il Filangieri, Quaderno 2015-2016, Il Parlamento dopo il referendum costituzionale, Napoli, Jovene, 2016, 53-81
4

CONOSCENZE LINGUISTICHE
 Inglese (conoscenza avanzata, Cambridge certificate of proficiency in English)
 Francese (conoscenza avanzata)
 Tedesco (conoscenza intermedia)
 Spagnolo (conoscenza elementare/intermedia)
18) La verifica dei poteri in the making: funzione giurisdizionale o politica? L’esperienza della Camera, ne Il Filangieri 2019 (in corso di pubblicazione)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gubitosi (Tim): sbagliato ritardare chiusura digital divide; limitata propensione a nuovi strumenti tecnologici potrebbe causare esclusione sociale

Gubitosi (Tim): sbagliato ritardare chiusura digital divide; limitata propensione a nuovi strumenti tecnologici potrebbe causare esclusione sociale

Nella TOP 100 mondiale aziende lusso il 22% è italiano. Deloitte: business luxury cresciuto di 15 mld dollari, vendite +12,8% – DOCUMENTO

Nella TOP 100 mondiale aziende lusso il 22% è italiano. Deloitte: business luxury cresciuto di 15 mld dollari, vendite +12,8% – DOCUMENTO

Calcio e Covid. Inter propone tetto ai salari dei calciatori per far sopravvivere il sistema. Stipendi incidono per l’80% del fatturato dei club

Calcio e Covid. Inter propone tetto ai salari dei calciatori per far sopravvivere il sistema. Stipendi incidono per l’80% del fatturato dei club