Twitter si prepara a etichettare i media di Stato e i membri dei governi

Per aumentare la trasparenza dei discorsi politici, Twitter etichetterà i mezzi di informazione di Stato, i cui tweet non saranno più inseriti tra quelli raccomandati e dunque avranno una minore visibilità. Lo ha annunciato il social, aggiungendo che a essere etichettati saranno anche alcuni funzionari governativi.

I media che saranno contrassegnati come affiliati a uno Stato sono quelli su cui il governo esercita un controllo editoriale, che dipendono da fondi statali o che subiscono pressioni politiche, ha spiegato Twitter in un post. Gli organi di informazione finanziati dallo Stato ma editorialmente indipendenti, come la Bbc in Gran Bretagna e o Npr negli Stati Uniti, non saranno inclusi nella lista.

Jack Dorsey (Foto Ansa – EPA/JIM LO SCALZO)

Sul fronte politico, saranno etichettati “gli account di funzionari governativi chiave come i ministri degli esteri, gli ambasciatori e i leader diplomatici”, cioè figure che “sono la voce ufficiale dello Stato all’estero”, a eccezione dei capi di Stato e di governo che sono già noti e riconoscibili. Inizialmente la misura riguarderà solo i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu, e cioè Cina, Francia, Regno Unito, Russia e Usa, per poi essere estesa ad altri Paesi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Juve, Real e Barcellona replicano alla Uefa:  Superlega avrà luogo quando sarà riconosciuta

Juve, Real e Barcellona replicano alla Uefa: Superlega avrà luogo quando sarà riconosciuta

Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Dal 10 maggio spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Dal 10 maggio spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Superlega. Accordo tra Uefa e 9 club per il reintegro. Juve, Real Madrid e Barça deferiti. Ceferin: club hanno riconosciuto loro colpa

Superlega. Accordo tra Uefa e 9 club per il reintegro. Juve, Real Madrid e Barça deferiti. Ceferin: club hanno riconosciuto loro colpa