Michele Riondino a Taranto lancia Cineporto la fabbrica dei sogni

Cineporto di Taranto

Sarà la sede di attività formativa per creare maestranze locali per le tante produzioni che girano in Puglia, grazie anche all’impegno e alla fiducia di Apulia Film Commission

Michele RIondino (Foto Ansa)

Michele Riondino, protagonista in televisione per tutto luglio con le repliche de il Giovane Montalbano su Raiuno, e’ stato intervistato dall’Avvenire mentre era in viaggio verso Taranto, sua citta’ natale, dove con la sua associazione culturale Afo6 (Afo è l’acronimo degli altoforni dell’Ilva), ha organizzato come direttore artistico la quarta edizione del “Cinzella Festival”, dedicato a musica e cinema (fra gli ospiti Diodato e Andrea Laszlo De Simone) che si tiene da domani 12 agosto al 15 alle Cave di Fantiano di Grottaglie vicino a Taranto. Manifestazione in parte sostenuta da Apulia Film Commission come pure il Cineporto di Taranto, inaugurato l’8 luglio scorso, una vera scuola dei mestieri del cinema, che sotto la direzione artistica di Riondino sarà anche un contenitore di eventi culturali tutto l’anno.

Racconta Riondino: “Il Cineporto è il frutto del lavoro e della volontà di noi attivisti che ci siamo rimboccati le maniche e non ci siamo limitati alla protesta. Dal 2012 quello che dicevamo è stato certificato dai fatti. Noi abbiamo lavorato per rendere concreta la riconversione mentale ed economica di Taranto, che passa attraverso il rilancio legato al cinema come industria. Il Cineporto sarà sede di attività formativa per creare maestranze locali per le tante produzioni che vengono a girare in Puglia. Grazie all’impegno e alla fiducia che Apulia Film Commission ci ha concesso è arrivato il momento che a Taranto si insedi l’unica fabbrica che concepiamo: quella dei sogni.

Basta con la monocultura dell’acciaio, la nostra industria da oggi fabbricherà solo bellezza”, dice Riondino che spiega “ Cineporto sarà il luogo dove le produzioni che verranno a girare a Taranto e provincia avranno un luogo per fare ricerca, provini, avere uffici, sala trucco, sala radio e web, e tutta una serie di servizi. In più si stanno stringendo importanti collaborazioni per l’avvio di laboratori e residenze artistiche. Come la “Palestra per attori”, formazione artistica gratuita con “Artisti 7607” insieme ad attori quali Elio Germano, Luca Marinelli, Neri Marcoré. Mentre la Palomar ( la casa di produzione per cui lavora Riondino, ndr. ) ci aiuterà a creare dei corsi di formazione professionale per attori, doppiatori, stuntman, location manager”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast