La britannica Liberty Global vuole la svizzera Sunrise. Offerti 5,4 miliardi di dollari

La società britannica di tlc Liberty Global, di proprietà di John Malone, ha offerto 5 miliardi di franchi (5,45 miliardi di dollar) per acquistare la rivale svizzera Sunrise Communications. la cifra rappresenta un premium del 28% rispetto al prezzo di mercato. L’offerta ha il sostegno del cda di Sunrise e del suo maggiore azionista Freenet, che detiene circa il 24% del capitale sociale.  “La combinazione – spiega Liberty – creerà un gruppo con attività di tlc in fibra, cavo, tv e cellulare, con un fatturato di 3,1 miliardi di franchi, 2,1 milioni di abbonati postpagati mobili, 1,2 milioni di abbonati a banda larga e 1,3 milioni di abbonati tv, con una quota di mercato di circa il 30% in ciascun segmento”.

La società “avrà economie di scala per guidare l’innovazione, investire in nuovi servizi e perseguire la crescita fornendo offerte innovative e a prezzi competitivi. La nuova società allargata sarà anche meglio posizionata per guidare la concorrenza con benefici diretti per l’economia e i consumatori svizzeri”.

Thomas D. Meyer, ceo Sunrise

Thomas D. Meyer, presidente del cda di Sunrise, ha commentato: «La combinazione di Sunrise e Upc (controllata svizzera di Liberty, ndr) creerà il principale challenger della telefonia fissa e mobile sul mercato svizzero delle telecomunicazioni, con le dimensioni e l’infrastruttura necessarie per competere con Swisscom”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza