Disney cancella i riferimenti a Fox dai loghi degli studios tv di 20th Century

Addio alla Fox anche nel logo degli studi tv acquistati poco più di un anno fa da Disney. Dopo aver cambiato a inizio anno il nome dello studio cinematografico, il gigante dell’entertainment ha abolito tutto quel che ancora evocava la rete di Murdoch dal marchio 20th Century Fox. Coinvolto dal nuovo corso, oltre a quella che adesso si chiama 20th Century Television (prima 20th Century Fox TV studio), è anche lo studio di film indipendenti Fox Searchlight Production, d’ora in poi semplicemente Searchlight Productions.

 

A marzo 2019, Disney ha concluso l’accordo da 71 miliardi di dollari per la 20th Century Fox. Il cambio di nome, oltre a una presa di distanza dal gruppo Murdoch e da una rete tv dalle spiccate simpatie per il partito del presidente Donald Trump, mira ad evitare equivoci con il pubblico. In seguito all’accordo, infatti, a Fox sono rimasti asset come Fox Entertainment, Fox Sports e Fox News che non hanno niente a che fare con Disney.

20th Century Fox fu creata nel 1935 dalla fusione di Twentieth Century Pictures e Fox Films. Gli studi cinematografici hanno prodotto alcuni dei grandi classici della storia di Hollywood come “Guerre Stellari”, “Tutti Assieme Appassionatamente” e “Mamma ho perso l’Aereo”, mentre dagli studi televisivi sono usciti, tra l’altro, “I Simpson” e “Modern Family”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza