Amazon, autorità tedesche indagano per presunta posizione dominante. Germania secondo mercato più grande dopo Usa

Amazon è oggetto di indagine da parte dell’ufficio federale tedesco contro i cartelli per presunto abuso della sua posizione di mercato durante la pandemia.L’inchiesta sta esaminando il rapporto di Amazon con i venditori terzi a seguito di una serie di reclami secondo cui la piattaforma funge con le sue polizze da regolamentatore dei prezzi.

Andreas Mundt (foto Flikr Attribution 2.0 Generic CC BY 2.0)

Amazon, aveva già risposto a questa accusa sul suo blog, affermando che la truffa dei prezzi non aveva posto sulla sua piattaforma. Durante la pandemia la società di Jeff Bezos, in realtà, ha bloccato diversi rivenditori di disinfettante per le mani e mascherine poichè avevano “presumibilmente aumentato” i loro prezzi. E’ noto il caso di Noah Colvin, residente nel Tennessee, le cui 17mila bottigliette di disinfettante sono state bloccate dalla piattaforma. “Stiamo attualmente valutando se e come Amazon influenzi i prezzi dei rivenditori sul mercato”, ha dichiarato il presidente dell’ufficio federale contro i cartelli, Andreas Mundt, in un’intervista al quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung che per primo ha riportato l’indagine.
La Germania è il secondo mercato più grande di Amazon dopo gli Stati Uniti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza