Broadway: con i teatri chiusi per il Covid, musical in scena su Netflix

Ai tempi del coronavirus, anche i musical di Broadway vanno in scena su Netflix. Lo show ‘Diana’, dedicato alla principessa morta nel 1997 doveva essere dal 31 marzo al Longacre Theatre, che invece è ancora chiuso a causa della pandemia. Così, come è successo per alcune pellicole cinematografiche, il musical verrà offerto in streaming, probabilmente a inizio 2021.
Sarà registrato senza pubblico a Broadway il mese prossimo con il cast originale: a impersonare Lady Diana sarà Jeanna de Waal, mentre Roe Hartrampf sarà il principe Carlo, Erin Davie Camilla Parker Bowles e Judy Kaye la regina Elisabetta.

I teatri di Broadway chiusi per il Covid (Foto Ansa – EPA/Peter Foley)

Per Netflix non è una novità quella di offrire ai suoi abbonati anche produzioni teatrali. In passato ha proposto spettacoli come ‘Oh, Hello’ di John Mulaney e Nick Kroll; lo spettacolo di Bruce Springsteen a Broadway; ‘Mike Birbiglia: The New One’; e un adattamento di ‘American Son’ con il cast originale. Anche altri spettacoli di Broadway hanno siglato accordi con la piattaforma: è il caso di ‘The Prom’, un musical della stagione 2018-2019 attualmente in fase di sviluppo per Netflix.

Non per nulla i co-ceo di Netflix Reed Hastings e Ted Sarandos hanno recentemente ribadito di voler rendere la piattaforma una destinazione di riferimento per tutto ciò che le persone vogliono guardare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza